Lasercap: wearable technology contro l’alopecia

Lasercap

Alla “radice” del problema, a casa propria

Lasercap, un cappello laser: questa la sostanza; ed i dispositivi che siamo a trattare oggi si inscrivono propriamente nell’attività di contrasto alla calvizie e dell’alopecia.

La tecnologia in esame si avvale del laser cosiddetto ad emissione dolce. In una sigla, della terapia LLLT (Lower Level Laser Therapy).

Perchè il lasercap

Il metodo vanta differenti ausili e apparecchiature, spaziando dai macchinari fissi alle spazzole. Di recente però sono stati messi a punto dei comodi elmetti acquistabili on-line e/o funzionalizzati con lo specialista. Essi sono in grado di emulare quanto più fedelmente la terapia senza con ciò doversi recare presso una struttura.

lasercap
Fig.1

Con tutta probabilità, i risultati non saranno gli stessi garantiti in ambulatorio, ma di sicuro i costi vengono abbattuti nettamente ed il principio di base resta lo stesso.

Riassumendo in breve il funzionamento, gli elmetti sono internamente rivestiti di led con una lunghezza d’onda preposta ad attivare biologicamente i bulbi piliferi responsabili di un aspetto indebolito e diradato del cuoio capelluto. L’impulso luminoso stimola la microcircolazione, il metabolismo cellulare del bulbo pregiudicato ma non ancora atrofico, ossia non irrimediabilmente perso.

I lasercap possono essere indossati sia fra le mura di casa che all’esterno, senza con ciò interferire con le normali attività.

Entrambi i brand sono muniti di approvazione FDA (Food and Drug Administration). 

Capillus®

L’aspetto è quello di un comune berretto da baseball con visiera. In verità, al di sotto si nasconde un numero di diodi led variabile (a seconda del modello), volti a energizzare i follicoli e quindi promuovere concretamente la crescita dei capelli.

La casa produttrice propone sul mercato tre modelli di lasercap.

  • Il primo risponde al nominativo Capillus82® e ospita nella sua calotta 82 diodi laser. Consente di apprezzare i risultati in capo a 3-4 mesi indossando l’ausilio per circa 30 minuti al giorno.
Lasercap
Fig.2

Il berretto può essere utilizzato ovunque, garantendo con ciò la massima sicurezza ed autonomia all’utilizzatore. Coprendo di fatto l’intero scalpo, nessuna zona viene tralasciata, e perciò Capillus® si rende adatto sia per l’uomo che per la donna.

  • La seconda versione, la Capillus272®, è parimenti alimentata con batteria al litio e tuttavia ospita un numero di gran lunga maggiore di diodi (272), per risultati ancor più significativi.
  • Esiste infine anche un dispositivo decisamente meno agile ma non per questo ingombrante, denominato Capillus272 Office Pro®Composto da un casco poggiato su una struttura a rotelle, il dispositivo si integra alla perfezione sia negli interni dell’ufficio che di casa propria.

LCPRO™ LaserCap®

Lasercap
Fig.3

Cambia la casa produttrice ma nella sostanza il prodotto rimane lo stesso.

Parliamo di un elmetto dotato di 224 diodi laser che copre l’intero scalpo e promette risultati significativi nell’arco di 12 settimane semplicemente calzandolo per 30-35 minuti al giorno.

Di per sé, il cappello in dotazione al momento dell’acquisto non è poi così “discreto” come si vuol far credere, a ragione del fatto che frontalmente vi campeggia il logo della casa produttrice e probabilmente non tutti i pazienti potrebbero sentirsi lusingati.

Tuttavia, va detto che è possibile adattare il nucleo tecnologico LCPRO a qualsiasi cappello si disponga in casa. Sarà sufficiente funzionalizzarlo con lo specialista di riferimento.

Immagini:

Fig.1-2https://youtu.be/czQmuXZ6gNM

Fig.3: https://youtu.be/KHSC_R7P-8s

SOCIAL
SEGUICI SU:
Beautyportale: un mondo a cui tutti, uomini e donne, possono accedere per cercare le risposte alle loro domande su bellezza, salute, benessere, sport, massaggi, alimentazione, chirurgia plastica, wellness ed estetica. Uno spazio ricco di spunti per vivere una vita all'insegna dell'equilibrio e della cura di se stessi.