Capelli grigi e falsi miti: a cosa credere e a cosa no

capelli grigi

Le leggende metropolitane più comuni da sfatare

Le donne li detestano, mentre gli uomini ne hanno fatto un’arma di seduzione: parliamo dei capelli grigi.

Per qualcuno rappresentano un simbolo di saggezza, per altri una questione di moda, altri ancora, invece, li considerano uno spiacevole promemoria del trascorrere del tempo.

Ma amati o odiati che siano, sul loro conto circola una gran quantità di aneddoti. Non tutti veri.

I capelli diventano bianchi – FALSO

I capelli non cambiano colore all’improvviso, a meno di non applicare una tinta. Possiamo dire, invece, che crescono bianchi, soprattutto con l’avanzare dell’età.

Il colore dei capelli, infatti, è dovuto alla presenza di melanina, la stessa, per capirci, responsabile dell’abbronzatura. Quando la produzione di questo pigmento diminuisce o cessa del tutto, i capelli iniziano via via a schiarirsi fino a diventare bianchi. In aggiunta, una recente scoperta ha messo in relazione i capelli grigi con l’aumento dei livelli di perossido di idrogeno (acqua ossigenata) nel follicolo pilifero.

È proprio il caso di dire, dunque, capelli bianchi si nasce, non si diventa.

Lo stress fa venire i capelli bianchi – FALSO

Sarà meglio sfatare questo falso mito una volta per tutte: lo stress non è direttamente coinvolto nel processo che porta ai capelli bianchi. Esso, invece, può causare la perdita, e il successivo diradamento, dei capelli, che potrebbero ricrescere con un contenuto via via più ridotto di pigmenti.

Si può dunque affermare che lo stress, in alcuni casi, favorisce la canizie ma non la provoca. Del resto, ansie e preoccupazioni sono già di per sé responsabili di un gran numero di disturbi e patologie, senza bisogno di attribuire loro anche la nostra chioma sale e pepe.

Se togli un capello bianco ne ricresceranno altri tre – FALSO

Si tratta probabilmente di una delle leggende metropolitane più diffuse in assoluto; esistono addirittura versioni diverse in base alla quantità di capelli bianchi che ricresceranno dopo il misfatto. Ma sono tutte false: un follicolo contiene un solo capello e da esso, quindi, non potranno magicamente spuntarne tre (o due, o sette).

È vero invece che a furia di strappare peli o capelli indesiderati, ci si può ritrovare con un bel buco nella barba o nella chioma. Pertanto, se proprio non potete sopportare i vostri capelli grigi, optate piuttosto per una tinta.

Troppe tinte fanno venire i capelli bianchi – FALSO

Eccoci ad un altro falso mito piuttosto diffuso. Le tinte non causano l’incanutimento, semmai possono coprire i capelli grigi quando questi non sono graditi. Certo, esistono prodotti decoloranti che, degradando la melanina, schiariscono i capelli e semplificano la colorazione; nondimeno, conosciamo tutti il fenomeno della “ricrescita”, prova lampante che i capelli continuano a crescere del loro colore originario.

Naturalmente, come per qualsiasi tipo di trattamento, anche le tinte vanno usate con attenzione, soprattutto quando ci si esibisce nei fai da te. Se impiegate in modo sconsiderato, infatti, possono danneggiare i capelli, sfibrarli e renderli fragili e spenti.

Perciò, mamme e papà, sarà il caso di trovare un’altra scusa per negare ai vostri figli l’ennesimo colore fosforescente.

I capelli grigi sono la fase precedente di quelli bianchi – FALSO

Anche qui la spiegazione è molto semplice: i capelli grigi non esistono in natura!

Il colore grigiastro che ci sembra di vedere non è altro che un effetto ottico dovuto alla compresenza di capelli bianchi e capelli che invece mantengono il colore originario.

E se volessimo proprio essere precisi, neanche i capelli bianchi sono davvero bianchi. La mancanza di melanina, infatti, comporta un’assenza di colore che assomiglia molto al bianco ma in realtà è tendenzialmente giallastro, più chiaro o più scuro a seconda della struttura del capello.