Lifting addominale per una pancia piatta e tonica

lifting addominale

Microasportazioni cutanee dall’effetto liftante

Il lifting addominale è l’alternativa all’addominoplastica quando il rilassamento addominale non è eccessivo. Con questa tecnica è possibile asportare porzioni di pelle in eccesso senza innescare un processo di cicatrizzazione rilevante. Due o tre sedute consentono un buon rassodamento, offrendo un risultato sorprendente che lascia i pazienti molto soddisfatti.

La tecnica

Questa metodica prevede il rassodamento della zona addominale per mezzo di numerose microasportazioni cutanee che inducono un processo di guarigione caratterizzato riduzione e ispessimento della superficie. Affinché tale procedura dia i risultati sperati, è necessario che il livello di rilassamento cutaneo sia minimo o medio, e che il paziente non presenti tendenze cicatriziali importanti.

Pre intervento

Prima di sottoporsi ad un lifting addominale si dovrà effettuare una visita di controllo con il chirurgo, per valutare l’area da trattare e il livello di rilassamento cutaneo. Il paziente dovrà informare il chirurgo della propria storia clinica, delle patologie di cui soffre e dei farmaci che assume abitualmente, e il chirurgo ordinerà gli esami da svolgere. Se questi certificheranno l’idoneità del paziente, sarà allora possibile stabilire la data dell’intervento. È fondamentale che, almeno durante la settimana precedente l’intervento, non vengano assunti antinfiammatori.

Interventolifting addominale

Il giorno dell’intervento ci si dovrà presentare a digiuno. Si verrà visitati dall’anestesista che ordinerà ulteriori esami clinici ed un elettrocardiogramma. L’anestesia effettuata sarà a livello locale accompagnata, per chi lo volesse, da sedazione. Una volta completata questa proceduta si procederà con il rassodamento mediante l’utilizzo di uno strumento chiamato drill microchirurgico, uno strumento ad alta velocità che preleva piccolissime porzioni di derma. Ogni seduta dura circa 30 minuti e per ottenere dei risultati soddisfacenti ne saranno necessarie 2/3 ad intervalli di 10/15 giorni. Questa tecnica permette di evitare punti di sutura ed in questo modo le cicatrici non saranno visibili. Sulle aree trattate verrà applicato un cerotto chirurgico che sarà poi rimosso due settimane dopo l’intervento.

Post intervento

Trattandosi di una procedura minimamente invasiva, il recupero non è particolarmente impegnativo. Stanchezza, intorpidimento e gonfiore della zona trattata sono del tutto normali e l’assunzione dei farmaci prescritti aiuterà a gestirli. Già dal giorno seguente si potranno riprendere le normali attivitàevitando però lo sport e l’esposizione solare.

Risultato

lifting addominale
Fig.1

Il risultato finale di un lifting addominale si ottiene dopo circa due mesi dall’ultima seduta prevista. Il miglioramento sarà graduale ma visibile fin dalla prima sessione.

Cicatrici

A differenza dell’addominoplastica, il lifting addominale non causa una cicatrice lineare ma potrebbe lasciare comunque qualche lieve irregolarità, in genere compatibile con la normale morfologia cutanea.

Rischi

I rischi legati a questa tecnica sono davvero ridotti:

  • reazioni negative all’anestesia;
  • ematomi;
  • infezioni;
  • cicatrici evidenti.

Costi

La tecnica usata per il lifting addominale potrebbe essere impiegata anche per il rassodamento di altre zone del corpo. Per questa ragione i costi variano da 800 a 1200 euro.

Immagini:

Fig.1: https://youtu.be/mYo__OBurgs.

SOCIAL
SEGUICI SU:
Beautyportale: un mondo a cui tutti, uomini e donne, possono accedere per cercare le risposte alle loro domande su bellezza, salute, benessere, sport, massaggi, alimentazione, chirurgia plastica, wellness ed estetica. Uno spazio ricco di spunti per vivere una vita all'insegna dell'equilibrio e della cura di se stessi.