XPL – L’innovativo lifting in tubetto

xpl

Dalla scienza un efficace prodotto anti-age

Sembra che il Massachusets Institute of Technology ce l’abbia fatta. Un gruppo di ricercatori del celebre MIT, infatti, ha sviluppato una crema anti-rughe che agisce sul viso “come una seconda pelle”. Un prodotto hi-tech che promette di restituire alla cute una miracolosa giovinezza.

Di cosa si tratta

Si chiama XPL (acronimo per Cross-linked Polymer Layer) ed è costituita da un polimero di silicone che, applicato sulla pelle, diminuisce le rughe e forma una sorta di patina trasparente, liscia e regolare, in grado di cancellare gli inestetismi causati dallo scorrere del tempo. La crema è leggera (spessa solo 70 millesimi di millimetro) ma resistente, e si adatta in modo quasi perfetto alla cute e ai movimenti del volto.

Il prodotto è stato realizzato per imitare in tutto e per tutto una pelle sana e giovane e si è rivelato particolarmente efficace su occhiaie, borse sub oculari e zampe di gallina. Normalmente, infatti, la pelle umana può allungarsi fino al 180 percento per poi tornare alla sua forma originaria. XPL invece arriva fino al 250 percento senza danneggiarsi. Gli studi clinici effettuati, inoltre, hanno dimostrato che resiste all’acqua, alla pioggia e al cloro delle piscine, senza rovinarsi o irritare la cute.

Troppo bello per essere vero? Beh in realtà un inghippo c’è: la sua efficacia infatti è solo temporanea. XPL riduce gli inestetismi del volto per circa 24 ore, dopo di che, come nelle favole, si ritorna i Cenerentoli di sempre.

Come funziona

xpl
Fig. 1: Con e senza XPL

L’applicazione di XPL prevede due passaggi:

  1. Si stende un velo di crema trasparente sulla pelle e si lavora con le dita per farlo penetrare;
  2. Si applica un catalizzatore che lega la crema alla cute in modo da formare una sorta di pellicola trasparente, senza necessità di macchinari foto o termo attivatori. Una volta asciutta (circa 3 minuti) la pelle appare immediatamente più tonica e luminosa.

Per togliere il prodotto basta grattare un angolo e poi tirare via la pellicola come se si spellasse il viso. È un’operazione assolutamente indolore e abbastanza semplice ma, assicurano gli scienziati, non rischia di avvenire autonomamente, quando siamo in giro o in mezzo ad altre persone.

La ricerca continua

Le potenzialità di XPL sono moltissime. L’effetto anti-rughe, infatti, è solo uno dei possibili utilizzi del prodotto:

  • Schermo contro i raggi ultravioletti;
  • Trattamento per dermatiti o eczemi;
  • Veicolatore di farmaci topici sotto la cute;
  • Film protettivo per le ferite;
  • Riserva di idratazione per la pelle.

 

Non ci resta quindi che attendere l’uscita di questo straordinario prodotto e sperare che nel frattempo gli trovino un nome un po’ più accattivante.

 

Fonti:

http://www.nature.com/nmat/journal/vaop/ncurrent/full/nmat4635.html

http://news.mit.edu/2016/polymer-temporarily-tightens-skin-drug-delivery-0509

Immagini:

Fig.1: https://youtu.be/AkpT5BihMio (0:32)