Beauty trend del 2018 in medicina e chirurgia estetica

Beauty trend del 2018

Trattamenti e interventi in evidenza

Cominciamo subito dalle parole chiave di quest’anno: nude look. Sì, perché il vero beauty trend del 2018 sarà il ritocco che c’è ma non si vede, la soluzione di qualità che non stravolge i lineamenti ma li armonizza. In questo senso, è vero, non possiamo parlare di assoluta novità in medicina e chirurgia estetica; la tendenza infatti si era annunciata da tempo, con numeri sempre crescenti tra le richieste di trattamenti veloci, poco invasivi e soprattutto pensati su misura per le singole esigenze.

Ecco, allora, nel dettaglio quali saranno le procedure di medicina e chirurgia estetica più richieste in questo 2018 e qualche anteprima su nuovi prodotti e trattamenti.

Medicina e chirurgia estetica: i beauty trend del 2018

Beauty trend del 2018

Rughe

La tossina botulinica, si è confermata ancora una volta ai primi posti tra i trattamenti estetici non chirurgici più richiesti; per quanto a lungo demonizzata e ritenuta, a torto, la principale responsabile di volti gonfi e artefatti, questa sostanza rimane tra le più apprezzate nel ringiovanimento facciale. Del resto, si sa, sono l’esperienza del medico e la tecnica iniettiva a fare la differenza. Ecco allora che tra i beauty trend del 2018 figura il Mutox, una metodica che propone il trattamento con botulino dell’intero viso, ma inoculato in piccole dosi così da trattare al tempo stesso rughe, acne e qualità della cute.

Doppio mento

Possiamo dire addio quindi a volti tirati, privi di espressione e labbra a canotto; quest’anno ci si concentrerà sui piccoli miglioramenti che fanno davvero la differenza. Tra questi, molto apprezzate nell’ultima metà dello scorso anno sono state le iniezioni “sciogli-grasso” applicate al doppio mento. È finalmente arrivato in Italia, infatti, Bellkyra™ (Kybella negli States), acido desossicolico che attacca gli accumuli adiposi per restituire al volto contorni definiti. E i numeri parlano chiaro: il trattamento è sempre più richiesto e in continua ascesa.

Cellulite

Non poteva di certo mancare in questa classifica, la lotta ad uno degli inestetismi più odiati di sempre. Parliamo ovviamente della cellulite, che come ormai sappiamo colpisce soprattutto le donne e indipendentemente dal loro peso corporeo. Un vero flagello dunque che da quest’anno però ha un nuovo nemico. Beauty trend 2018, infatti, si configura anche Cellfina, la soluzione mininvasiva ma efficace contro la cellulite. È disponibile in Italia solo da pochi mesi ma ha già fatto parlare di sé e i pronostici sono in suo favore.  

Naso

Per proseguire sulla strada degli interventi soft, minimamente invasivi, non possiamo non citare il rinofiller. Sempre più diffusa, infatti, questa tecnica consente di operare una serie di piccoli ritocchi al naso senza doversi sottoporre alla chirurgia. In particolare, l’acido ialuronico ben si presta alla correzione di dorsi prominenti, punte spioventi e persino piccole imperfezioni dovute ad interventi precedenti. Una vera rivoluzione in un campo che risulta tra i più seguiti sia dalle donne che dagli uomini.

Seno

Anche in chirurgia, tra i beauty trend del 2018 ritroveremo la moderazione. In particolare, la mastoplastica rimane sempre ai primi posti tra gli interventi estetici più eseguiti; ma le richieste delle clienti sono cambiate. No alle protesi esagerate, infatti, e maggiore attenzione affinché i risultati siano i più naturali e invisibili possibile. Si assiste, ad esempio, ad un ritorno alle protesi rotonde, ma con un gel di silicone più ergonomico per ridurre il rischio di rotazione dell’impianto.

Occhi

Nell’ottica di una ricerca di ringiovanimento naturale, non si può non pensare agli occhi e alle palpebre in particolare. La blefaroplastica, ci raccontano le statistiche ISAPS, è stata al primo posto tra gli interventi al volto più eseguiti nel 2016. Tuttavia, anche qui, la tendenza si è spostata ormai verso trattamenti più rapidi e meno invasivi, come la cosiddetta Blefaroeasy. Si tratta in realtà di una blefaroplastica dinamica non ablativa, eseguita mediante uno speciale strumento al plasma, chiamato Plexr. Esso consente di correggere la ptosi palpebrale in modo efficace mantenendo la mobilità della palpebra sia durante che subito dopo il trattamento.