Breve test per scoprire il tuo sport ideale

sport ideale

Il nostro test, il tuo profilo

Da tempo sei alla ricerca del tuo sport ideale o più semplicemente dello stimolo giusto e dell’attività che sappia venire in contro alle tue esigenze? Cerchi insomma una concordanza, la pietra filosofale, l’esercizio che non ti annoi già dopo la prima settimana?

Ti daremo una mano a trovarlo!

Come funziona il test

Hai fatto l’abbonamento in palestra, ma in qualche modo gli spazi chiusi non ti vanno a genio. Hai ripiegato sul running, ma ben presto hai notato che è difficile chiacchierare amabilmente e insieme tenere il ritmo… a meno che tu non sia Bolt, è ovvio. Così hai optato per una pausa di riflessione, sul divano. Una lunga cogitazione sul tuo destino sportivo contrassegnata dai sensi di colpa e da notti tempestate di sogni premonitori…

Ebbene, noi abbiamo un rapido quiz da proporti, 5 domande in tutto. Rispondi a ciascuna in tutta libertà, segna dunque l’alternativa scelta e poi confronta le tue risposte con la tabella dei punteggi. Otterrai un profilo e le opzioni d’allenamento conformi. Fra esse, il tuo sport ideale!

 

1… Volge al termine la giornata lavorativa. Ti metti al volante e rientri a casa. Come si configura la serata?sport ideale

A – Uno schiocco di dita, via gli abiti da Clark Kent o Selena Kyle, e di fatto i panni di Superman o Cat Woman già fasciano le tue forme. Pronti, via, dopo una giornata di “calma piatta” subentra l’azione! Il Dottor Jekyll si fa Mr Hyde. Amici, feste, ore piccole, divertimento e tanta adrenalina… questo è quel che chiedi.

B – Le ciabatte ti attendono al solito posto. Non devi far altro che infilarle e dirigerti alla doccia. Nel totale abbraccio del relax, segue una cena tranquilla completata da una buona lettura o da un film in televisione. Stacco completo della spina. Solo così tu ricarichi le batterie.

C – Il vialetto che ti separa dall’uscio è esso stesso luogo d’allenamento, per la precisione quello adibito al warm-up. Con un affondo laterale inserisci la chiave nella toppa e con una sequenza brevettata di movimenti ti liberi dai panni d’ufficio, economizzando al massimo il tempo a disposizione. Indi, Pit Stop all’angolo cucina per bagnare le labbra con un pre-workout, vestizione tecnica e in meno di dieci minuti sei di nuovo fuori dalla porta. Non c’è pioggia o vento che tenga, hai bisogno di libertà, di dar fondo a tutte le energie represse!

 

2… Una bella giornata di sole e non hai alcun impegno lavorativo, né tantomeno pressioni particolari. Ti scopriamo al parco. Per quale ragione sei lì?

sport idealeA – Ne hai approfittato per stare un po’ con i tuoi figli oppure più semplicemente per liberare la mente dalle tensioni accumulate nell’ultimo periodo. Probabilmente, ti siederai sull’erba, ti guarderai intorno. La stagione è cambiata e, fra mille impegni, tanta bellezza ti stava quasi sfuggendo. Slacci l’orologio, lo capovolgi. Niente ore da fare a fette, ora ti godrai pienamente l’istante in corso!

B – Varcata la soglia, hai già individuato la postazione dove eseguirai le trazioni e l’angolo per i piegamenti a terra, ansioso/a di mettere in pratica un nuovo Street Workout. Poco importa se il castello e le giostre saranno sotto assedio da parte di bambini di ogni età. Ciò che conta per te è rispettare il piano d’allenamento… no pain, no gain!

C – Tardo pomeriggio, sotto braccio hai il necessario per improvvisare un aperitivo alternativo con le amiche o gli amici. Vi siete dati appuntamento accanto alle fontane, circonfusi nella polvere d’acqua trafitta dal sole. Ognuno ha portato qualcosa. In breve, allestite l’area e si fa ora di cena fra risa, scherzi e chiacchiere.

 

3… Stai passeggiando senza fretta per le vie della città, quando d’improvviso ti si para davanti una gentile signorina armata di microfono. Fai appena in tempo a realizzare, che già il gigante con la telecamera al suo seguito inizia a riprenderti. “È per un sondaggio…”, precisa lei. Sorridi. Acconsenti. La domanda che ti vien posta a brucia pelo è, cosa significa “sport” nella tua esperienza di vita. Come rispondi?sport ideale

A – Devi fare mente locale. Ti sovviene l’immagine aleatoria di una mastodontica, antica enciclopedia… le pagine iniziano a scorrere, svolazzano e sollevano nugoli di polvere. D’un tratto si fermano, il tomo rimane spalancato ad una pagina precisa, verso la fine. Aumenti lo zoom immaginifico. “Ecco, dunque…” proferisci scorrendo i lemmi verso il basso… sport, sport… No, macché, niente da fare. Neologismo non contemplato.

B – Argomenti con razionalità e impronti il ragionamento in termini salutistici. Pontifichi di uno stile di vita che andrebbe idealmente seguito da tutti. “Bisogna fare di necessità virtù”, sostieni. “Ovvero, triangolare la voce benessere fra dieta, riposo e attività fisica”. E se l’obiettivo è star bene, concludi, è importante coltivare le relazioni, muoversi a contatto con altre persone, intessere relazioni, conoscere animi che diano sempre stimoli nuovi.

C – Non hai alcun dubbio sul fatto che la tua vita coincide punto per punto con la voce “sport”. Esponi dunque tutto quel che sai (ed è davvero tanto) in materia di integratori, fibre muscolari, protocolli specifici d’allenamento e tecnologie adatte a monitorare le prestazioni. Sei talmente competitivo che in fondo desidereresti la tua fosse la migliore risposta della giornata… non bastasse l’arte oratoria, sei pronto a dare dimostrazioni pratiche!

 

4… Uno scroscio di temporale ti prende alla sprovvista per le vie del centro. Ripieghi non solo nel negozio più vicino, ma anche nel più stimolante e adatto a trascorrere il tuo tempo. La libreria. Ne approfitti per dare uno sguardo in giro. Dal momento che ad oggi non hai nulla da leggere, ti risolvi per il tuo prossimo compagno “cartaceo”. Come?

sport ideale

A – Ti avventuri al piano superiore, snobbando con decisione i fantomatici “più venduti” ed ogni calcolato “consiglio di lettura”. Con aria intenta, ti proponi in territori ove magari gli occhi meno si soffermano, abbagliati da ben altre copertine e nomi che per esser letti devono prima essere passati dal tubo catodico. Assorto, ti lasci guidare dall’intuito. Letteratura sperimentale, saggistica, attualità, romanzi di nicchia. Non sei un tipo spocchioso: semplicemente, ti piace variare.

B – Il fiuto infallibile ti porta alla sezione dedicata all’allenamento, alla nutrizione ed agli hobby. Manuale di muscolazione alla mano, ti aggiorni sui migliori esercizi di culturismo (qualora, vuoi mai, avessero inventato qualcosa giusto ieri). Dopodiché, consulti le più recenti biografie di sportivi noti. Sei curioso di carpire i loro segreti, confrontarti e imparare da ansie e preoccupazioni che evidentemente neanche il loro successo ha saputo arginare. Non lo fai perché desideri primeggiare su tutti. Lo fai per migliorare te stesso. Non sei un narciso, semmai credi fermamente nella possibilità di fare della vita un’opera d’arte a tutto tondo.

C – Non disdegni i nomi noti, i titoli roboanti. Un occhio alle novità ce lo butti, insomma. Non ti scandalizzi troppo dell’ennesimo libro di cucina. Anzi, se fosse necessario ci dai pure una scorsa. Non per questo, la letteratura impegnata è per te un oggetto sconosciuto. Hai letto Kafka e Tolstoij, Brodskij e Borges. Ad ogni modo, thriller, polizieschi e romanzi d’avventura sono il tuo pane quotidiano. Che critichino pure Dan Brown. A te è piaciuto. Sei dell’opinione che ogni tanto bisogna prendersi con leggerezza. Leggerezza che, come scriveva Calvino, non è indifferenza, ma planare sulle cose dall’alto… scovando la loro reale dimensione in relazione al contesto, dando loro il giusto peso.

 

5… Hai in programma una serata con gli amici. Come ti immagini si possa svolgere?

pubblico

A –  A casa tua. Dopotutto hai già predisposto i giochi in scatola più coinvolgenti e, per gli amanti della consolle, sullo schermo del salotto campeggia la versione più recente di un noto gioco di corse automobilistiche. Ad ogni modo, a seconda dei gusti, i tuoi commensali potranno disporre anche di calcio, tennis e atletica. Non bastasse il torneo alla Play tirerai fuori la wii… e giù di golf!

B – Rigorosamente in un locale o dovunque si possa ballare. Amate tutti la movida, il movimento. L’importante è fare gruppo! Sia chiaro, non affogherete la serata nell’alcol e nell’eccesso. Divertirsi in compagnia implica anche saper affrontare dibattiti e temi seri. Ciò a cui puntate è il sentirsi uniti. 

C – L’ideale è la cena in un posto raffinato, elegante, non eccessivamente caotico. Siete pochi ma buoni e con voi si può spaziare dal gossip alla filosofia. A seguire, farete due passi in centro, oppure (clima permettendo) vi stenderete sull’erba a guardare le stelle. Mai a corto di argomenti, sapete anche assaporare i silenzi. Sapete di poter contare sempre l’uno sull’altro. Anche non far niente è l’attività più intensa, quando si sta bene con chi abbiamo vicino. È bene imparare a distinguere vitalità e irrequietezza. Molte delle più torride, accese esperienze si agitano senza produrre onde. Voi lo sapete bene…

 

 

Punteggi per domanda:

  1. A 3 punti, B 1 punto, C 2 punti
  2. A 1 punto, B 3 punti, C 2 punti
  3. A 1 punto, B 2 punti, C 3 punti
  4. A 2 punti, B 3 punti, C 1 punto
  5. A 3 punti, B 2 punti, C 1 punto

 

Ora fai la somma, compara i risultati e clicca sul tuo profilo:

SPORT IDEALE – PROFILO I

sport idealeDiciamo che non corrispondi esattamente al prototipo dell’uomo o della donna sportiva. Se del movimento lo si deve fare, per te non è un problema, ma vivi bene anche senza sudare sette camicie. Le tue parole d’ordine sono indipendenza e tranquillità. Hai svariati interessi e molte passioni, ami approfondire ciò che fai, stai bene con gli altri ma sei anche convinto/a che bisogna saper stare bene da soli per poter vivere serenamente. Ricerchi l’equilibrio in quel che fai, sei una persona riservata e non particolarmente amante dei luoghi affollati.

Pertanto…

Ti sconsigliamo la palestra e il body building. Potresti tuttavia trovare alquanto stimolanti attività ricreative sia per la mente che per il corpo quali lo yoga, la ginnastica, la bici, la corsa o la camminata veloce, magari in un’area verde, ove – a mente sgombra – tu possa spaziare fra una riflessione e l’altra. Per esperienza, ti consigliamo anche il judo. In questo sport, ove il rispetto per l’avversario è al primo posto, troverai il modo di cimentarti con te stesso/a ed aprirti all’altro, instaurando nuovi legami. Interrogati sul motivo di un’eventuale ritrosia verso lo sport. Non deriverà forse da una fragilità emotiva? Dalla paura di non essere all’altezza? Vinci i tuoi blocchi con gradualità. Lo sport è un piacere oltre che un toccasana. Impara a goderne e otterrai benefici anche sotto il piano lavorativo o dello studio. Mens sana in corpore sano.

 

PROFILO II

sport idealeNon c’è che dire, lasci molto poco al caso e ad ogni modo riesci a gestire bene anche l’imprevisto dell’ultimo minuto. Movimento per te non significa necessariamente fatica o competizione. Nello sport cerchi un’attività capace di metterti in contatto con i tuoi coetanei o con persone nuove. Probabilmente, per uno spirito attivo, meticoloso e curioso come il tuo, gli sport più indicati sono quelli all’aria aperta e magari di squadra. Non è che non ti piacciano le sfide individuali, sia chiaro, ma calcio, rugby, pallavolo e basket potrebbero venire maggiormente incontro alle tue esigenze rispetto al tennis, al nuoto o al ciclismo ad esempio. Provare per credere! D’altronde lo spirito che hai è quello giusto. Bene non prendersi troppo sul serio, bene non fare della sconfitta una tragedia, ma con così tante energie, saresti un talento sprecato qualora già non fossi impegnato o impegnata in una di queste attività.

Nota: se sei alla ricerca di “adrenalina”, perché non provare la canoa, il rafting e (location geografica permettendo) il surf?!

 

PROFILO III

sport idealeNelle tue vene scorre la linfa dell’atleta, l’essenza pura dello sport. Ami la competizione e sfidare quotidianamente i limiti. Dopotutto, il tuo corpo mostra volumi che si possono ottenere solo con dedizione alla causa e spirito di sacrificio. La buona volontà non certo ti manca, dunque, e non ti spaventano le gare individuali. Fanno per te arti marziali, boxe, nuoto, tennis, ciclismo e atletica, così come i “durissimi” triathlon e crossfit

D’altro canto, non disdegni neppure la palestra. Ciò che cerchi è l’alchimia perfetta fra il dentro e il fuori, una piacevolezza che – lo sai bene – non si può ottenere senza fatica.

Ricordati però che se regola e disciplina possono portarti lontano, ogni tanto devi pur concederti delle pause. Soprattutto, cerca di essere una personalità meno dura con se stessa. Un conto è sfogare tensioni e nervosismo, tutt’altro imporsi torture piscologiche e allenamenti intensi per paura di ingrassare. Il rischio, altrimenti, è quello di andare in contro a infortuni, sovrallenamento o peggio, non godersi le piccole cose di tutti i giorni.

Chiediti: ho una vita sociale? Di che tipo? A cosa dò la priorità e perché lo faccio? Che cosa voglio dimostrare?

Fate pace con il vostro corpo. Seguitate ad eccellere, ma fatelo muovendo un passo in avanti e non già in loop: controllate la mente, i vostri pensieri.