Calendario lunare, l’intimo nesso fra astro e bellezza

calendario lunare

Come funziona e perché consultarlo

Il calendario lunare sfrutta il potenziale magnetico del nostro satellite e ne interroga l’influenza sulla materia vivente. Noi di beautyportale, nel dettaglio, abbiamo scelto di orientarci nel dominio della bellezza e vi proporremo un sito web specializzato sul nesso fra luna e bellezza. Otterrete così le finestre temporali migliori per beneficiare nel massimo grado dei vostri trattamenti mensili per viso, corpo e capelli.

Luna

Un volto diafano che riemerge dal passato, immutabile eppure sempre nuovo, legato al tempo e al fluire delle cose, alla rimembranza ma anche alla fecondità, alla forza che rivoluziona l’ordine del tutto. Un “volto” da Giacomo Leopardi celebrato e al pari visitato in tutto il suo enigmatico ed immortale carisma specialmente nel noto “Canto notturno di un pastore errante dell’Asia”.

calendario lunare…E tu pendevi allor su quella selva

Siccome or fai, che tutta la rischiari…

(Alla luna)

Avrete ben chiaro ormai il soggetto, la materia di cui stiamo parlando… E si, c’è né da dire su questo mirabile astro!

La luna, infatti, è per antonomasia il pianeta metafora della vita; una figura che gonfia le acque, regola la vita animale, vegetale e che influisce sull’essere umano con i suoi cicli mensili. Nella letteratura viene spesso associata ai domini del mistero, all’esplorazione in territori d’ombra. Sin dall’antichità risulta legata alchemicamente all’argento, metallo della purificazione; e non finisce qui. Fra gli egizi era altresì archetipo della creazione cosmica, incarnata in Iside, mentre in India veniva posta a corona sulla testa di Shiva come spicchio crescente, a indicare il potere del sommo yogi (creatore e distruttore dell’universo) sul tempo e dunque sul mondo.

calendario lunareChe fai tu, luna, in ciel? dimmi, che fai,
Silenziosa luna?
Sorgi la sera, e vai,
Contemplando i deserti; indi ti posi.

(Canto notturno di un pastore errante dell’Asia)

La luna è poi stata anche “occhio illuminato” nella filosofia del Tao; non da ultimo, richiamo ancestrale al sangue nei racconti di licantropia.

Con una tradizione così forte legata all’esoterismo, all’astrologia e all’interpretazione onirica, ebbene non possiamo pensare che questo gibboso satellite possa oggi esercitare un minor fascino sul nostro immaginario. Il tutto, s’intende, sebbene la prospettiva scientifica moderna ci abbia aiutati a comprendere lucidamente le ragioni di tanta mutevolezza.

Il mese lunare

In circa 27 giorni la luna compie un giro completo attorno alla terra e, schematicamente, il periodo può essere suddiviso in quattro momenti cardinali. Novilunio, primo quarto crescente, plenilunio, ultimo quarto.

Molto semplicemente, questi corrispondono alla porzione di satellite irradiata dal sole. Giocoforza, l’area illuminata cambia a seconda del modo in cui la luna si pone (reciprocamente alla terra) rispetto al “disco d’Apollo”. La caratteristica “falce” o “gobba” è perciò restituita dalla superficie sferica colpita dalla luce; porzione che risulterà più o meno ampia.

I diversi aspetti assunti dalla luna sono detti propriamente “fasi lunari”.

Quando la luna è perfettamente interposta fra terra e sole si parla di novilunio. Il satellite risulta invisibile all’osservatore dacché la faccia rivolta al pianeta è completamente in ombra. Dopo circa 7 giorni, invece, la luna intercetta un angolo di circa novanta gradi fra terra e sole, giungendo a mostrare metà della propria superfice complessiva. La fase crescente culmina così nel plenilunio, ovvero in un volto lunare interamente irradiato dal sole dacché collocato agli antipodi rispetto al novilunio. A 22 giorni dall’inizio del ciclo, in fase calante, la luna mostra ancora metà superficie rischiarata, mentre dopo una settimana – a 27 giorni 7 ore e 43 minuti di distanza dal “punto zero” – avremo di nuovo un satellite in ombra.

Il famoso adagio “luna crescente, gobba a ponente (ovest); luna calante, gobba a levante (est)” costituisce un buon orientamento per il soggetto collocato nell’emisfero Boreale. Quanto a “gobba”, varrà invece l’esatto opposto per chi osserva dall’emisfero Australe.

Il calendario lunare

 

calendario lunareDolce e chiara

è la notte e senza vento,/
E quieta sovra i tetti

e in mezzo agli orti/
Posa la luna,

e di lontan rivela/
Serena ogni montagna.

(La sera del dì di festa)

La potenza magnetica della luna influisce sulle maree, come ben sappiamo. Lettori e lettrici con un po’ di esperienza in materia di orto e giardinaggio ben sapranno che le fasi lunari – millenaria scienza del contadino – costituiscono peraltro il vero calendario da seguire prima di mettere a dimora una pianta, procedere con la potatura o spargere le sementi.  Se a questo aggiungiamo, con semplici osservazioni, i meccanismi di fertilità animale nonché le potenzialità di crescita, ad esempio, di unghie e capelli, pare del tutto pacifico risolversi per consultare un buon calendario lunare altresì all’atto di pianificare una dieta, un digiuno, una capatina dalla parrucchiera, dal barbiere o dall’estetista per manicure ed epilazione… più in generale, per prendersi cura del proprio corpo.

In una parola, per raccogliere bellezza – si esprima questa come stupendo intreccio vegetale o come corpo in salute –  bisogna seminarla con attenzione… alla luna.

Tagliate i capelli in luna crescente e potreste ritrovarvi nuovamente a lavorare di forbici prima del previsto. Ponderate un impacco nutritivo o ricostituente nello stesso periodo e quasi certamente gli effetti sulla chioma saranno più che positivi.

Ad ogni modo, in via preliminare, potremmo assumere come bussola quanto segue:

  1. Luna Calante: fase ideale per prendere in considerazione una dieta depurativa od ipocalorica; oppure ancora per fissare sul calendario una seduta di depilazione.
  2. Luna Crescente: via libera alle cure per rafforzare l’organismo ed il sistema immunitario.
  3. Luna Nuova e Piena: corrispondono ai punti in cui il potenziale lunare esprime al meglio l’influenza su ciò che si è intrapreso per il proprio benessere.

Orientarsi nell’universo della bellezza

Nondimeno, chi avesse avuto modo di consultare un calendario lunare “eseguito ad arte” avrà notato che oltre alla situazione della luna sono riportati, giorno per giorno, altresì alcuni rimandi zodiacali. Potreste dunque pensare di consultare un vero e proprio candelario lunare per “fare le cose per bene”.

Noi, fra tutti, ve ne riportiamo uno in particolare: calendario-lunare.it

Il sito vi permetterà di comprendere nel dettaglio cosa significa avvalersi di un calendario lunare specie sotto la prospettiva della cura personale; e perciò in termini di depilazione, taglio di unghie e capelli, pulizia della pelle e impacchi.

Potrete dunque orientarvi nel panorama della bellezza in via intuitiva e completa. Per ogni giorno di ciascun mese un indicatore azzurro, verde o rosso renderà ragione del trattamento più consigliato o sconsigliato. Il tutto, non solo in relazione al satellite ma al segno zodiacale in transito.calendario lunare

 

Potrete inoltre personalizzare la vostra ricerca in base all’obiettivo preposto. Sarà sufficiente selezionare la voce dal menù a tendina in testa al foglio virtuale.calendario lunare

 

Provate! E poi fateci sapere…