Influenza: perché gli uomini stanno peggio?

influenza

L’evidenza scientifica dietro al luogo comune

Con il progressivo abbassarsi delle temperature, si avvicina anche quel periodo dell’anno in cui è più facile contrarre l’ influenza; un periodo vissuto dalle donne con dignità e stoica determinazione, mentre gli uomini sembrano soccombere alla febbre e ai dolori muscolari e sono pronti a fare testamento.

Ma battute come questa sono destinate a scomparire per sempre; la scienza infatti è pronta a confermare che il virus colpisce in modo più aggressivo il sesso maschile rispetto a quello femminile.

Tutta una questione di ormoni

Un gruppo di ricercatori della Johns Hopkins University ha voluto indagare la differenza con cui uomini e donne sembrano reagire al virus dell’ influenza. È infatti oramai risaputo quanto i due sessi siano biologicamente diversi, ma questa difformità non è mai stata approfondita a livello immunologico.

A dare l’avvio allo studio, pubblicato sull’American Journal of Physiology, è stata l’osservazione di come la gravità della malattia variasse sì in base all’età ma anche ad esempio in caso di gravidanza. Gli scienziati si sono dunque chiesti se gli ormoni non fossero in qualche modo coinvolti nel processo di difesa dell’organismo.

Al fine di stabilirlo, hanno isolato alcune cellule epiteliali nasali e le hanno esposte ad estrogeni, gli ormoni sessuali femminili; tali ormoni sono in realtà presenti anche negli uomini ma in percentuali sensibilmente inferiori. In seguito, le stesse cellule sono state infettate con un ceppo comune di influenza stagionale.  

Nella maggioranza dei casi, si è evidenziato un incremento della resistenza al virus.

Contro l’ influenza ma non solo

Ecco dunque spiegata la ragione per la quale gli uomini soffrono maggiormente il decorso della malattia.

Nello specifico, gli estrogeni agiscono come antivirali, rallentando il processo di replicazione delle cellule infette e impedendone quindi la diffusione su larga scala. In questo senso, avremo un duplice beneficio: i sintomi risultano meno intensi e anche il rischio di contagio appare ridotto.

La ricerca in esame, dunque, non solo pone fine ad una delle questioni più dibattute tra uomini e donne in questa stagione, ma amplia anche gli orizzonti di impiego degli estrogeni in campo medico. Oltre all’utilizzo nel trattamento dell’infertilità e della menopausa, si consolida il loro ruolo come antivirali, già osservato in precedenza con patologie quali HIV, Ebola ed epatite.

Un passo avanti importante nello sviluppo di una terapia contro l’ influenza di cui possano beneficiare entrambi i sessi.

SOCIAL
SEGUICI SU:
Beautyportale: un mondo a cui tutti, uomini e donne, possono accedere per cercare le risposte alle loro domande su bellezza, salute, benessere, sport, massaggi, alimentazione, chirurgia plastica, wellness ed estetica. Uno spazio ricco di spunti per vivere una vita all'insegna dell'equilibrio e della cura di se stessi.