7 “passi” contro le gambe pesanti, addio gonfiore

Gonfiore e indolenzimento, addio…

Le gambe pesanti non sono certo una novità per quante sono costrette ad assumere lungamente le più disparate pose statiche.

Lunghi tragitti in auto, vestiti stretti e tacchi alti, oppure ferme impettite dietro al banco, al nastro cassa, in fabbrica; o più semplicemente a casa, battagliando con aspirapolvere e rampe di scale, cementate per ore e ore in piedi nel nome dello stiro. Vita grama quella delle gambe.

Povere gambe

Dolenti e rigide, pesanti e gonfie. Attentate dal fumo e soffocate dalla vita sedentaria, per non parlare poi del mobbing esercitato dai chili di troppo. Se fa caldo poi, l’estate può davvero rivelarsi una tortura per molte donne di tutte le età!

Come rimediare dunque a questa spiacevole ma comune situazione?

Abbiamo approntato per voi un agile vademecum. Pochi punti, per un sollievo immediato durante la bella stagione!

  •  Idratazione…gambe pesanti

A tutta prima, via libera alle docce fredde.

Il nemico numero uno delle gambe e della cattiva circolazione, infatti, non è tanto il sole bensì il caldo, specie l’afa. Chi passa l’estate in città, di sicuro ne saprà qualcosa. Ma anche coloro che, sotto l’ombrellone, nascondono le proprie gambe con un asciugamano o un pareo. Al contrario di quanto (in buona fede) si possa credere, invece, mantenere cosce e ginocchia coperte non si rivela affatto una buona mossa.

Qualora foste in spiaggia, meglio dunque muoversi, riattivare la circolazione; due passi sul bagnasciuga con i piedi in acqua per poi rincasare prima di mezzogiorno. Se siete fra le mura domestiche, invece, optate per la doccia, semplice ma efficace.

Importante, di conseguenza, è non soltanto l’idratazione interna bevendo spesso, al fine di scongiurare il ristagno di liquidi, ma altresì praticare pediluvi con acqua fredda, curandosi di massaggiare le gambe.

  • Pantaloni comodi e… relax “verticale”

Non appena potete, indossate indumenti ariosi, specie la sera, quando sarete sul divano o in poltrona. Assicuratevi di tenere le gambe sollevate. Se possibile, sopraelevate rispetto al capo. Qualora fosse necessario, all’atto di coricarvi ponete un cuscino sotto ai talloni: favorirete il ritorno venoso.

In alternativa, ritagliatevi dieci, quindici minuti e collocate un tappeto o un cuscino in prossimità di una parete; sdraiatevici sopra e ponete i talloni sul sostegno verticale. A quel punto, con gli arti inferiori semi-flessi e identificanti un angolo di circa 45° rispetto al pavimento, godetevi un po’ di relax sfogliando un giornale o una rivista.

  • Vitalità e “leggerezza”

gambe pesanti

Cercate di assumere poco sale e curate con particolare attenzione la dieta. Riducete al minimo i cibi piccanti ed elaborati, concentrandovi sulle verdure e sulla frutta di stagione. L’estate è il momento migliore per ovviare ai chili di troppo accantonati durante l’inverno. Approfittatene per rimettervi in forma e fare il pieno di vitamine, minerali e antiossidanti. Il sovrappeso non è certo un aspetto su cui le vostre gambe soprassederanno con indulgenza.

  • Esercizio e postura

Qualora la giornata vi costringesse lungamente alla scrivania, sforzatevi di cambiare spesso posizione e di non sostare troppo a lungo a gambe incrociate, perché ostacolerete la circolazione. Ogni tanto alzatevi, sciogliete la tensione accumulata.

Qualora foste obbligate lungamente alla posizione eretta, invece, cercate di scaricare il peso da una gamba all’altra. Eseguite piccoli movimenti di mobilità con le caviglie, sollevatevi sulle punte e, un arto alla volta, flettete il ginocchio cercando di portare il polpaccio a contatto con la coscia. Il tutto per cinque-sei ripetizioni.

Non appena potete, eseguite dello stretching e soprattutto non indossate scarpe strette o indumenti comprimenti.

  • Fumo? No, grazie

Spegnete l’ultima sigaretta e dimenticatevi questo brutto vizio. Non serve ripetere quanto il fumo influisca negativamente sulla salute dell’apparato cardiocircolatorio e dunque sulla pelle.

Gambe pesanti? Un motivo in più per smettere e tornare a praticare del sano esercizio fisico. Camminate e nuotate sono al primo posto insieme alla bicicletta. Non serve stra-fare! Sono sufficienti venti minuti a bassa intensità.

  • Gel e massaggi per gambe pesanti

Consultate i centri estetici più vicini a casa vostra e intraprendete una serie di sedute di linfodrenaggio o pressoterapia. Un’energica stimolazione della regione – premesso che non soffriate di patologie venose – sarà un autentico toccasana, utile all’eliminazione delle tossine e dei fluidi in eccesso.

Annotatevi poi: foglia di vite rossa, centella asiatica, mirtillo ed estratto di corteccia di pino o ippocastano; quindi recatevi in farmacia o in erboristeria alla ricerca delle formulazioni gel rinfrescanti che contengano questi preziosi principi.

gambe pesanti

Avvalendovi di un olio corpo rinfrescante o un gel ad uso topico, effettuate dunque un auto-massaggio drenante secondo le linee guida che seguono.

In posizione seduta su di un tappeto o sul divano – purché comunque vi sia possibile manipolare senza difficoltà le gambe -, principiate fasciando con entrambe le mani un arto. Immaginate polpacci e cosce come cilindri. Fate scorrere le mani dai malleoli sino al ginocchio e quindi sino al gluteo esercitando una leggera pressione. Le dita scorreranno lungo i volumi avvolgendone le forme, dal basso verso l’alto. Più volte. In seguito, vi concentrerete sulle caviglie, disegnando ripetuti archi attorno alle stesse e pizzicando dolcemente la regione prossima al tallone e al tendine.

  • “Oli”…

Non da ultimo, il nostro consiglio è di approfondire la vostra conoscenza in merito ai trattamenti fitoterapici. Largo agli oli essenziali a base di nocciolo e rosmarino. Oppure, sotto con le combinazioni di limone, menta e ginepro. Non ve ne pentirete…