Rughe e falsi miti: a cosa credere e a cosa no

rughe

Le leggende metropolitane più comuni da sfatare

Lasciami tutte le rughe, non me ne togliere neanche una. Ci ho messo una vita a farmele venire.

Anna Magnani

Rughe: solo il nome ci fa accapponare la pelle. Sono in assoluto uno degli inestetismi più odiati e temuti (insieme alla cellulite), e più difficili da contrastare. Ogni giorno i mass media e le case farmaceutiche sfoderano una nuova e probabile soluzione; ogni giorno qualcuno ricorre alla chirurgia per sbarazzarsene. Ma prima di adottare una qualsivoglia strategia, sarebbe meglio tenere presente che non tutto quello che si dice in giro sulle rughe corrisponde alla verità.

Tirare e strofinare la pelle causa le rughe

Questo sarebbe senz’altro vero se restassimo giornate intere con delle mollette appiccicate al volto. Tirare la pelle degli occhi per applicare l’eyeliner non comporterà la formazione delle zampe di gallina; e neppure stropicciarsi gli occhi quando si è stanchi. La nostra pelle è molto più resistente ed elastica di così.

Ridere causa le rughe

A lungo andare, la forza di gravità e la mimica facciale provocano dei segni, le cosiddette rughe di espressione. Smettere di ridere, tuttavia, non servirà ad evitarle. Bisognerebbe, infatti, smettere anche di parlare, piangere, ammiccare, accigliarsi e, sì, persino di mangiare. Pertanto, invece di meditare di ricorrere alla completa paralisi facciale, è bene concentrarsi su cause ben più serie.

La pelle secca causa le rughe

Mi dispiace informarvi che non è così. Certo, su una cute disidratata i segni del tempo appaiono più marcati, ma la secchezza non causa direttamente le rughe. Questo non significa che si può smettere di bere. I canonici 2 litri di acqua al giorno sono fondamentali, e non solo per la pelle ma anche per tutti gli altri tessuti corporei. È altresì importante applicare una buona crema idratante ed emolliente, ancora meglio se a base di sostanze che aumentino la capacità ritentiva della cute: acido ialuronico, ceramidi, acidi grassi essenziali.

La causa principale delle rughe è la genetica

La genetica è responsabile solo in piccolissima parte della formazione delle rughe, quindi, no, non possono essere imputate del tutto ai propri genitori. La causa principale, infatti, è l’esposizione ai raggi UV, siano essi derivati dal sole diretto o da lettini e docce abbronzanti. Quindi uno dei rimedi migliori per contrastare la formazione delle rughe è affidarsi alla protezione solare, anche in inverno. Se avete dubbi su quali prodotti scegliere e come utilizzarli, potete fare riferimento al nostro articolo dedicato.

L’alimentazione non ha nulla a che fare con le rughe

Ebbene, questo è falso. I cibi ad alto indice glicemico, infatti, come fritti, pane abbrustolito, prodotti da forno e patate, contribuiscono alla formazione degli AGE (Advanced Glycation End-products). Si tratta di un tipo di radicali liberi molto pericoloso, e non solo per la pelle. Gli AGE, infatti, possono comportare numerosi processi infiammatori, per non parlare di aterosclerosi ed insufficienza renale. A livello cutaneo, invece, essi sono responsabili dell’indurirsi di collagene ed elastina, che a sua volta comporta il cedimento dei tessuti e la formazione di rughe. Un’alimentazione sana quindi è sempre la scelta migliore.

Più la crema antirughe è costosa, più è valida

L’efficacia di un prodotto antirughe non dipende dal suo prezzo, ma dagli ingredienti che contiene. La lista indicata sulla confezione segue la percentuale di concentrazione delle sostanze. Pertanto è sufficiente verificare che ai primi posti si trovino principi attivi quali la niacinamide, nota anche come Vitamina PP, che funge da potente antiossidante. Fondamentali sono anche gli acidi ialuronico, retinoico, glicolico e lattico, la Vitamina C e la retinaldeide. L’importante è che, una volta individuato il prodotto adeguato, lo si mantenga per almeno due o tre mesi. Non si può pretendere infatti di assistere a risultati miracolosi dopo una settimana; e neppure che questi risultati durino in eterno anche senza l’applicazione della crema.

Per evitare le rughe bisogna dormire di schiena o con un cuscino di seta

Non possiamo affermare che l’assunto sia del tutto falso, ma si tratta comunque di un’esagerazione. È vero che, dormendo con la faccia sul cuscino, applichiamo una certa pressione sulle fibre cutanee, per un notevole periodo di tempo. Tuttavia, la quantità di rughe derivanti dalle abitudini notturne è significativamente inferiore rispetto a quella causata dal fotoinvecchiamento. Pertanto: un po’ di crema solare in più e un cuscino di seta in meno.