Maschera viso: Tutto sulle Maschere per il Viso

maschera viso

 

Maschera viso: cos’è?

La maschera viso rappresenta senza alcun dubbio uno dei più antichi trattamenti di bellezza nella storia dell’uomo, nata proprio per rispondere alle necessità della cute del viso. Come sappiamo, tuttavia, le pelli non sono tutte uguali e, come tali, avranno bisogni diversi. È facile intuire, dunque, che anche le maschere per il viso avranno scopi – e quindi anche ingredienti – differenti. Tenere conto di queste caratteristiche ci aiuterà a scegliere la maschera viso più adatta al nostro tipo di pelle e alle sue esigenze.

Si tratta di un prodotto cosmetico molto diffuso e utilizzato sia dalle donne che dagli uomini. Consiste, in pratica, nell’ applicazione di determinati principi attivi sulla pelle del viso che vengono quindi lasciati agire per un tempo specifico a seconda della maschera viso. La sua efficacia risiede per l’appunto nel tempo di posa, che consente alle sostanze benefiche di penetrare nella cute e svolgere la loro funzione.

La ragione per usarle è che in genere contengono concentrazioni di principi attivi in percentuali più elevate rispetto alle creme, ma l’applicazione deve seguire dei passaggi ben precisi, in genere indicati sulla confezione. Alla domanda ogni quanto farla, rispondiamo che è necessario un impiego regolare, una o due volte a settimana, per poter beneficiare delle proprietà del prodotto.

maschera viso

Origini

La maschera viso nella storia

Come anticipato, la maschera viso è uno dei più antichi rituali di bellezza, risalente con molta probabilità già alle fasi primitive dell’essere umano. Certo, a quei tempi non aveva la stessa funzione attribuitale ai giorni nostri, ma si trattava più che altro di una valenza simbolica o funzionale. Le maschere per il viso infatti erano realizzate con sostanze naturali colorate per decorare il volto con i simboli della comunità di appartenenza, oppure, a parità di ingredienti, per guarire alcuni fastidi cutanei o per proteggersi dal sole.

Da questo alla realizzazione di una vera e propria maschera viso, il passo dev’essere stato breve. Si hanno infatti attestazioni della presenza di questi trattamenti anche nell’antico Egitto, dove il ruolo divino del faraone doveva essere convalidato anche dalla bellezza del suo aspetto. Un’accoppiata, quella di bellezza e potere, che è arrivata intatta fino a noi.

Funzioni

A cosa servono le maschere per il viso

Ad ogni pelle la sua maschera viso, potremmo dire. E infatti questi prodotti sono pensati proprio per adattarsi ad ogni tipo di pelle e assicurare svariati effetti:

  • Idratante: per pelli secche e ruvide;
  • Nutriente: per pelli aride e opache;
  • Lenitivo: contro arrossamenti e irritazioni;
  • Esfoliante: una sorta di scrub viso per favorire la rigenerazione cutanea;
  • Purificante: per pelli miste o grasse;
  • Normalizzante: ad azione sebo-equilibrante;
  • Antiossidante: per contrastare rughe e radicali liberi;
  • Emolliente: per una cute morbida ed elastica;
  • Schiarente: così da eliminare le macchie cutanee;
  • Rivitalizzante: adatta alle pelli spente e stressate.

Ovviamente, le maschere viso sono spesso sviluppate per rispondere a più di una necessità; avremo dunque formulazioni sia purificanti che normalizzanti per pelli impure, e prodotti dedicati esclusivamente alle pelli sensibili o a quelle mature, e così via.

Curiosità: Il Multimasking

Poiché è difficile che un unico prodotto possa soddisfare tutte le esigenze della nostra pelle, è nato il fenomeno del multimasking. Consiste nell’applicare una maschera viso diversa per ogni zona del viso a seconda delle necessità.

maschera viso

Tipi di maschere viso

In base alla sua formulazione, la maschera viso può presentare aspetto e pertanto modalità applicativa diversa.

Maschere istantanee

Prodotti professionali preparati sul momento da personale esperto mescolando direttamente i principi attivi più adeguati al tipo di pelle.

Maschere a due corpi

Sono costituite da due preparati differenti, il veicolo e gli ingredienti funzionali. In questo modo la preparazione avviene solo al momento dell’utilizzo e gli ingredienti si conservano meglio.

Maschere creme

Di consistenza simile, appunto, a quella delle creme, sono le maschere più note e utilizzate. Il loro pregio è quello di essere subito pronte all’uso anche se il loro effetto è limitato alle scelte del produttore;

Maschere in tessuto

Rappresentano il trend del momento e sono reperibili in supporti sagomati di cotone o cellulosa. Il tessuto della maschera viso viene impregnato di principi attivi e in genere non necessita di risciacquo;

Maschere a caldo

Si differenziano dalle maschere comuni, proprio per la temperatura con cui vengono applicate sul viso. Si tratta in genere di preparati d’argilla, particolarmente utili per pelli a tendenza mista o grassa, che purificano la cute e, grazie al calore, stimolano il microcircolo.

Curiosità: Il copri-maschera in silicone

Sebbene le maschere in tessuto siano molto comode e facili da applicare, spesso bisogna restare immobili durante il periodo di posa. Per evitarlo si può ricorrere al copri-maschera in silicone, una sorta di cover sagomata che si aggancia dietro alle orecchie e tiene ferma la maschera viso, favorendo anche la penetrazione dei principi attivi.

Ingredienti

maschera viso

Data la vastità applicativa dei prodotti disponibili sul mercato, gli ingredienti principali di una maschera viso possono essere davvero i più svariati. Non bisogna dimenticare inoltre la possibilità di realizzare efficaci maschere per il viso fai da te, il che amplia ulteriormente la gamma di sostanze impiegabili.

Per idratare, gli ingredienti più usati sono senza dubbio l’acido ialuronico, l’aloe vera, il pantenolo e la bava di lumaca.

Se lo scopo, piuttosto, è quello di nutrire e ammorbidire la cute, troveremo il burro di karitè, l’olio d’oliva o di avocado, per non dimenticare l’olio d’Argan.

Nelle formulazioni lenitive troveremo spesso la camomilla, l’estratto di amamelide e la polvere di calamina, dalle proprietà calmanti.

Ottimi purificanti sono invece l’argilla, il caolino, il cetriolo e l’estratto di tea tree; mentre ad azione esfoliante, non possiamo non citare alcuni acidi molto famosi nei peeling chimici, quali l’acido glicolico o il salicilico. Elementi naturali sono invece la polvere di caffè, il sale e i fiocchi d’avena, che uniscono all’efficacia della maschera viso un effetto scrub molto piacevole.

Molto richieste, infine, sono le maschere antirughe a base di collagene, vitamine A ed E, ma anche le novità al vino rosso e tè verde.

Non mancano però anche ingredienti non propriamente consueti, come nel caso del Geisha Facial agli escrementi di uccello. Non ci credete? Leggete qui.

Maschere per il viso: le più strane

Oltre alla classica maschera viso che tutti conosciamo, ne esistono di ben più curiose.

Maschera viso alle foglie d’oro per stimolare il rinnovamento cellulare e illuminare la pelle. Ne esiste anche una versione super lusso a base di oro fuso 24 carati, mescolato a collagene ed acido ialuronico; un trattamento anti-age molto in voga tra le star e anche piuttosto costoso.

Non possiamo, poi, non menzionare la Bubble Mask all’argilla che si gonfia al contatto con l’aria e assume una divertente consistenza spumosa. Le simpatiche bollicine però hanno un compito molto importante: aiutano infatti a detergere e purificare la pelle in profondità.

La Black Mask invece è stata sulla bocca di molti beauty addicted fino a poco tempo fa. Si tratta di una pellicola nera in vinile che promette, togliendola, di portare via con sé anche i punti neri; un effetto simile ai cerotti contro i punti neri per capirci. Peccato che le opinioni riguardo la sua efficacia siano parecchio contrastanti.

Infine, un altro trend degli ultimi anni è rappresentato dalla LED Mask, una maschera viso hi-tech che utilizza la luce atermica dei led per ottenere risultati diversi a seconda della lunghezza d’onda (e quindi del colore). Per saperne di più leggete il nostro articolo dedicato.

Applicazione

Come fare una maschera al viso

Di solito, i prodotti confezionati contengono anche le indicazioni su come applicare la maschera viso e quanto tenerla in posa. Anche le ricette fai da te dovrebbero contenere tutte le informazioni relative alle quantità di prodotti da mescolare, a quanto lasciarli agire e come rimuoverli.

In linea di massima, le maschere per il viso vanno applicate sulla cute ben pulita, del tutto priva da make-up e detersa; questa operazione può sembrare banale ma è fondamentale affinché i principi attivi possano penetrare.

La maschera può essere applicata sulla pelle asciutta o leggermente umida, mediante un pennellino morbido o con la punta delle dita (eccetto, com’è ovvio, la maschera in tessuto). Di solito è richiesto di stare lontani dal contorno occhi e labbra, a meno che non si tratti di un prodotto specifico per quella zona.

Il tempo di posa può variare dai 10 minuti alla mezz’ora, escluse le sleeping mask che invece vanno mantenute per tutta la notte. È molto importante che queste tempistiche vengano rispettate in modo da evitare spiacevoli inconvenienti…

La rimozione della maschera può essere effettuata con acqua tiepida usando semplicemente le mani, nel caso delle formulazioni più cremose, o con una spugna morbida se la consistenza si è indurita con la posa. Al termine può essere utile applicare della crema idratante.

Curiosi di provare? Perché non cominciare con una maschera viso tra le nostre proposte invernali di maschere per il viso fai da te.

Multimasking: https://youtu.be/BXNgSyPeOuE (1:04)