Ossigeno-ozono terapia, preziosa alleata di bellezza

ossigeno-ozono terapia

Dal trattamento delle varici a quello della cellulite

L’ ossigeno-ozono terapia in medicina estetica consiste principalmente in iniezioni sottocutanee di una miscela di ossigeno e ozono in piccole percentuali, particolarmente indicate per la cura della cellulite e degli accumuli adiposi. Per le sue proprietà vascolarizzanti, ossigenanti e rigeneranti, è altresì efficace nel trattamento di varici e capillari, acne, rughe e lassità cutanee. Trattandosi di una sostanza naturale, la terapia è sicura, purché effettuata da personale medico qualificato. È breve, solo minimamente invasiva e il ritorno alle attività quotidiane è immediato.

Ozono

L’ozono è una molecola formata da tre atomi di ossigeno (O3) che si trova in natura, sopra la superficie terrestre, e si occupa di filtrare i raggi ultravioletti per bloccarne l’effetto dannoso. Si tratta di un gas naturale, non tossico, ma, dal momento che la sua molecola è particolarmente instabile, è necessario che sia prodotto subito prima del trattamento da macchinari certificati, definiti generatori di ozono. Anche per questa ragione l’ ossigeno-ozono terapia può essere eseguita solo da specialisti, in centri medici accreditati. Non può essere iniettato da solo ma sempre in miscela con l’ossigeno.

Oltre all’infiltrazione sottocutanea locale, esistono altre metodiche di somministrazione dell’ozono a seconda della patologia da affrontare: infiltrazione intramuscolare (ernia), applicazione in sacchetti a tenuta stagna (piaghe), emoinfusione, insufflazione (emorroidi, ulcere) o balneoterapia (cellulite, varici, edemi, artrosi, artrite).

Funzioni

In realtà, l’utilizzo dell’ozono in medicina risale ai primi anni del Novecento e la sua indicazione più frequente riguarda il trattamento dell’ernia al disco, o quella di infiammazioni e problemi vascolari. La molecola infatti ha proprietà antisettica, antiinfiammatoria, antidolorifica e decontratturante.

ossigeno-ozono terapia
Fig.1: Aumento del microcircolo

In medicina estetica sono state particolarmente apprezzate le seguenti funzioni dell’ozono:

  1. Lipolitica: l’ozono rappresenta l’unica sostanza in farmacopea in grado di scindere gli acidi lunghi grassi e di renderli idrofili, così da poter essere espulsi attraverso le urine.
  2. Vascolarizzante: aumenta la deformabilità dei globuli rossi permettendogli di attraversare anche i capillari più piccoli.
  3. Drenante: riattiva il sistema linfatico eliminando il ristagno dei liquidi.
  4. Rigenerativa: aumentando l’ossigenazione dei tessuti, anche quelli più periferici, li induce a rassodarsi e a produrre sostanze antiossidanti.

Applicazioni

Come già accennato, l’uso dell’ozono in medicina è molto ampio: ortopedia, gastroenterologia, odontoiatria, oculistica, riabilitazione e molte altre. In campo estetico la terapia è consigliata per:

  • Varici e capillari in evidenza;
  • Acne;
  • Rughe sottili;
  • Borse suboculari;
  • Cellulite diffusa o localizzata;
  • Pelle a buccia d’arancia;
  • Maniglie dell’amore.

Vantaggi

  • Terapia breve e indolore;
  • Non prevede ricovero o degenza;
  • Si basa su sostanze naturali e non farmacologiche;
  • Favorisce solo la perdita di massa grassa e non magra;
  • Non presenta effetti collaterali;
  • Il costo è relativamente basso.
ossigeno-ozono terapia
Fig.2: Trattamento viso

Trattamento

Subito prima del trattamento di ossigeno-ozono terapia, la miscela viene aspirata con una siringa (circa 50cc) dall’apparecchio che l’ha generata. Con un ago sottile (3-4mm) si effettuano microiniezioni diffuse del composto nell’area interessata. Il procedimento è tendenzialmente indolore. Dopo ogni infiltrazione la zona viene massaggiata per favorire una distribuzione omogenea della miscela. Spesso, durante o al termine della terapia, il paziente viene invitato a bere ½ bicchiere di acqua ozonizzata per disintossicare l’organismo e favorire lo smaltimento dei grassi.

La seduta dura pochi minuti, al massimo mezz’ora, e il paziente può immediatamente tornare alle proprie attività. Si consiglia un ciclo di circa 10 sedute, che potranno essere di più o di meno a seconda dell’inestetismo. La terapia va accompagnata da una dieta povera di sodio e ricca di vitamine.

Risultati

I risultati sono visibili dalla quarta settimana e sono tendenzialmente stabili nel tempo, pur necessitando di alcune sedute di mantenimento. Una generale sensazione di leggerezza agli arti inferiori è avvertibile sin dal primo trattamento.

Costi

I costi sono in media di 80€ a seduta.

Controindicazioni ed effetti collaterali

L’ozono è una molecola non proteica e quindi non rischia di causare ipersensibilità o reazioni allergiche. Bruciore o lividi possono seguire l’ossigeno-ozono terapia, ma svaniscono in breve tempo e sono legati più all’iniezione in sé che non alla sostanza. I rischi maggiori sono quelli legati all’embolia nel caso in cui vengano iniettate eccessive quantità di ossigeno-ozono. Questo rischio, comunque, viene eliminato rivolgendosi a specialisti della metodica.

Le controindicazioni sono legate al favismo (la carenza nel sangue di un particolare enzima che causa anemia e vieta a chi ne è afflitto l’assunzione di fave, piselli e alcuni farmaci) e all’ipertiroidismo (disfunzione della tiroide che causa un eccessivo rilascio ormonale).

 

Immagini:

Fig.1: https://youtu.be/mUD4Qic1JDs

Fig.2: https://youtu.be/CrfY2pVZF84