Crioultrasuonoterapia contro accumuli adiposi e cellulite

crioultrasuonoterapia

Freddo e ultrasuoni uniti in nome della bellezza 

È ormai evidente che per combattere la cellulite è necessaria l’azione sinergica di più trattamenti.La crioultrasuonoterapia, in particolare, sfrutta la combinazione della terapia del freddo e del calore prodotto dagli ultrasuoni per combattere gli accumuli adiposi e la pelle a buccia d’arancia. Si tratta di una tecnica innovativa e non invasiva che offre molteplici vantaggi.

Funzioni

crioultrasuonoterapia
Fig.1

La crioultrasuonoterapia nasce nel campo della medicina riabilitativa come strumento per trattare dolore e infiammazioni. La terapia deve la sua efficacia all’associazione di due tecniche terapeutiche combinate, la crioterapia e gli ultrasuoni. Entrambe queste tecnologie agiscono sulla circolazione sanguigna ed hanno un effetto analgesico, antidolorifico, ma soprattuttoantiedemigeno, fondamentale per combattere la panniculopatia edemato-fibro-sclerotica (la cellulite). Essa infatti è caratterizzata da un ispessimento edematoso sottocutaneo che deriva proprio da un’insufficienza circolatoria. In particolare, il freddo cristallizza le cellule adipose innescando il processo di criolipolisi, mentre gli ultrasuoni frantumano la membrana degli adipociti facilitandone l’eliminazione, e contraggono le fibre di collagene rendendo la pelle più tonica. L’adipe così liberato viene smaltito attraverso il sistema linfatico, coadiuvato dal movimento meccanico del manipolo sulla cute.

Il trattamento garantisce inoltre un alto livello di sicurezza poiché il freddo serve anche a controbilanciare gli effetti negativi causati dal calore prodotto dalle onde sonore, preservando i tessuti sani.

Riassumendo, la combinazione di questi due trattamenti contribuisce a:

  • Diminuire gli accumuli adiposi;
  • Aumentare la produzione di collagene;
  • Ridurre la ritenzione idrica;
  • Tonificare la cute e perfezionarne la trama;
  • Migliorare la circolazione;
  • Favorire la formazione di nuovi vasi sanguigni;
  • Incrementare il metabolismo e il rinnovamento cellulare.

Strumento

crioultrasuonoterapia
Fig.2: Dispositivo CryoUltrasound Aesthetic

Il dispositivo utilizzato per la crioultrasuonoterapia è costituito da un generatore di ultrasuoni collegato ad un manipolo che è in grado di emetterli. Il manipolo è dotato di una testina che rilascia il freddo e che può essere regolata fino a -10˚ C. La potenza delle onde sonore è di 1,5W/cm2, che rispetta le norme che ne regolano l’utilizzo in medicina estetica. Il dispositivo si chiama CryoUltrasound Aesthetic.

Applicazioni

La crioultrasuonoterapia è utile in medicina estetica per alleggerire, sgonfiare e ridurre la circonferenza. Allo stesso tempo la combinazione di caldo e freddo rende la cute più tonica ed elastica. Può essere utilizzata su tutte le aree del corpo che presentino grasso localizzato: addome, fianchi, braccia, cosce, glutei e ginocchia. Per un’azione ancora più efficace può essere associato a terapia a onde d’urto o radiofrequenza estetica.

Vantaggi

  • Trattamento non invasivo;
  • Non doloroso;
  • In grado di contrastare contemporaneamente grasso e cellulite;
  • Elimina il grasso in modo naturale;
  • Non genera un effetto “svuotato” poiché allo stesso tempo rende la cute più elastica.

Trattamento

crioultrasuonoterapia
Fig.3: Combinazione di freddo e caldo

Si applica un apposito gel sulla cute dell’area da trattare. Il manipolo viene poggiato a diretto contatto con la pelle e spostato lentamente con piccoli movimenti concentrici, insistendo sulle zone caratterizzate da adiposità. Inizialmente la zona si presenterà bianca, in seguito però si potrà notare un deciso arrossamento in seguito alla formazione di nuovi vasi. Il trattamento dura 20-40 minuti a seconda della quantità di tessuto adiposo presente e dell’estensione dell’area da trattare. Al termine il paziente può immediatamente tornare alle proprie attività. Il rossore e la sensazione di calore della zona trattata durano per qualche ora. Si consiglia di bere molto nelle 24 ore successive per aiutare l’organismo a smaltire il grasso liberato con la crioultrasuonoterapia.

Risultati

Per mantenere i risultati nel tempo è necessario combinare il trattamento di crioultrasuonoterapia con una dieta sana e bilanciata, attività fisica e l’utilizzo di una fascia elasto-compressiva.

Controindicazioni

La crioultrasuonoterapia è controindicata in caso di: gravidanza, diabete, patologie autoimmuni, problemi epatici, insufficienza renale e malattie vascolari.

 

Immagini:

Fig.1-2-3: https://youtu.be/WSKFNZNlAfM