Smartlipo e Water Jet: l’alternativa laser alla liposuzione

Smartlipo

Sciogliere le adiposità senza passare dalla sala operatoria

Smartlipo è un’ottima alternativa alla tradizionale liposuzione, un intervento che addirittura non presenta limiti d’età e in linea generale non prevede renitenze derivanti dal grado di lassità cutanea. Il trattamento di liposcultura mediante laser, infatti, non si limita a suggere il grasso lasciando la cute molle, ma ingenera seduta stante un effetto di rassodamento tessutale.

Come funziona Smartlipo

Il manipolo laser opera sciogliendo il grasso e al contempo riscaldando la cute circostante fino a una temperatura di circa 48 gradi, gradiente di certo insufficiente a provocare un’ustione ma adeguato per creare una contrazione delle proteine strutturali (collagene), e dunque un turgore riflesso sulla cute medesima che rende ragione di un complessivo rassodamento del derma.

Una sottile fibra ottica penetra nel distretto cutaneo interessato e scioglie il grasso tramite un movimento ad “andirivieni”. Da notare che il grasso sciolto verrà poi eliminato dal sistema linfatico, per vie naturali, senza richiedere la successiva introduzione di cannule apposite come nella liposuzione tradizionale. Un vantaggio lampante sia nel mentre del trattamento, ma dovremmo dire a maggior ragione in vista del post, dacché il trauma, il gonfiore e gli edemi saranno alquanto ridotti. Esiste nondimeno la possibilità di aspirare il grasso mediante una sottile cannula di 1-2 mm, è la procedura viene scelta qualora si intenda velocizzare il processo di recupero del paziente.

La tecnica

L’intervento è eseguibile senza ricovero, in anestesia locale e non altera la vita sociale della persona (che può riprendere a lavorare il giorno successivo). Postula semmai un congruo riposo dall’attività fisica per almeno una settimana. La completa risposta del fisico è invece garantita nell’arco temporale di un mese.

Vivamente consigliata, ma al contempo probabilmente stimolata a livello psicologico dagli effetti galvanizzanti della perdita di grasso, l’osservanza a venire di uno stile di vita sano e di una alimentazione corretta che lo supportino.

Solitamente, la laserlipolisi prevede 1 seduta “per zona”, al massimo 2 in casistiche molto rare.

Laserlipolisi

A margine di una pratica di anestesia a livello locale coadiuvata da un farmaco vasocostrittore, per laserlipolisi intendiamo esattamente la rimozione mirata e in regime ambulatoriale degli eccessi di tessuto adiposo mediante l’interazione di un fascio laser con gli adipociti, cellule del tessuto adiposo la cui membrana viene di fatto distrutta. Sarebbe allora imprecisato seguitare a dichiarare, come a titolo introduttivo si è invece preferito fare, che la potenza del laser opera cambiando lo stato del grasso (da solido al liquido); semmai, assistiamo alla liberazione del contenuto degli adipociti, che per l’appunto è una soluzione oleosa.

Parallelamente, la laserlipolisi consente una fotocoagulazione dei vasi sanguigni e pertanto limita al minimo ogni perdita ematica, nonché una fotostimolazione (shrinkage) della proteina collagene che comporta un ricompattamento dei tessuti e dunque il rafforzamento cutaneo.

Post-trattamento

In linea generale, il post trattamento prevede un ciclo di massaggi drenanti per almeno un mese, periodo durante il quale è bene altresì evitare sport intensi e sforzi eccessivi.

Di norma è sufficiente una seduta che varia dalla decina di minuti sino all’ora per trattare le adiposità localizzate, ma è possibile anche effettuare una seconda seduta a distanza di pochi mesi qualora la situazione contingente lo richieda.

I risultati possono dirsi duraturi e stabilizzati a partire da 2 mesi dopo l’interazione del laser, ma comunque visibili e apprezzabili già durante le prime settimane.

Le aree trattabili

La Smartlipo è applicabile su pazienti maggiorenni e, per i motivi accennati poc’anzi, estendibile potenzialmente sino agli ottanta compiuti, dato che non v’è il rischio che i tessuti rimangano molli. Quanto a distretti corporei, si annoverano con maggior frequenza:

  • le aree del collo e immediatamente al di sotto del mento;
  • le braccia;
  • la porzione esterna e interna delle cosce;
  • per passare dunque all’addome, ai glutei ed ai fianchi.
  • La laserlipolisi è inoltre un’ottima opzione per ovviare alla pseudo-ginecomastia, ovvero alla formazione di grasso nell’area pettorale sub mammare maschile.

I costi della Smartlipo

A seconda della zona di trattamento ed all’entità dell’accumulo adiposo, la terapia prevede una cifra base pari a 800 euro per seduta, in crescendo, fino al tetto dei 7.000-8.000 euro.

Controindicazioni ed effetti collaterali

Non vi sono controindicazioni specifiche, sebbene ad ogni modo si tratta pur sempre di una tecnica da evitare qualora ci si trovi di fronte a casistiche contraddistinte da una lassità tessutale particolarmente importante.

Quanto ad effetti collaterali, posto che si assiste comunque ad una sensibile riduzione del disagio in termini di edema e gonfiori caratterizzato dall’assenza di cannule preposte all’aspirazione del grasso, dobbiamo pur sempre riportare rossore, dolorabilità soggettività delle aree trattate ed ecchimosi transitorie.

Va da sé che la laserlipolisi non è da intendersi a guisa di strategia per ridurre il proprio peso, né tantomeno in sostituzione di un puntuale regime dietetico.

Una variante: Water jet Assisted Liposuction

Un’alternativa altrettanto valida ed a basso impatto traumatico consta nell’intervento denominato per l’appunto water jet.

Un getto laminare d’acqua ad alta pressione scioglie il grasso e contemporaneamente la cannula lo assorbe.

  L’intervento dura appena 40 minuti e viene eseguito in day hospital con somministrazione di anestesia locale. La cannula scorre entro una microincisione che di fatto non lascia cicatrici visibili.

Risultati

 I risultati andranno stabilizzandosi in capo a 4 mesi, mentre ogni momentaneo ematoma è da considerarsi assolutamente fisiologico, in rapido riassorbimento. Per circa 40 giorni, ad ogni modo, è bene che il paziente si curi di indossare apposite calze contenitive.

Il grasso prelevato si aggira attorno a 300 cc, dunque una quantità limitata, ma la tecnica si dimostra alquanto efficace specie per chi soffre di adiposità localizzate.

SOCIAL
SEGUICI SU:
Beautyportale: un mondo a cui tutti, uomini e donne, possono accedere per cercare le risposte alle loro domande su bellezza, salute, benessere, sport, massaggi, alimentazione, chirurgia plastica, wellness ed estetica. Uno spazio ricco di spunti per vivere una vita all'insegna dell'equilibrio e della cura di se stessi.