Paris Lip: obiettivo definizione labbra

Paris Lip

Tecnica consolidata e nuove prospettive grazie alla CMC

Con ogni probabilità, sarete d’accordo con noi. Bellezza non è tanto questione di forme abbondanti quanto di proporzioni, di volumi definiti, valorizzati a dovere.

Un ragionamento valido tanto più per quanto concerne le labbra.

Pertanto, con una tecnica ispirata alla capitale della seduzione per antonomasia, Parigi, siamo a presentarvi la possibilità di agire sul contorno delle vostre labbra.

Minima invasività, massima efficacia e reversibilità. Questa la promessa nata all’ombra della Tour Eiffel… Paris Lip.

Paris Lip: la metodica

Come funziona? Attraverso un filler, naturalmente. Per la precisione, un riempitivo di struttura come la carbossimetilcellulosa

Obiettivo primario, come dicevamo è ripristinare il turgore perimetrale in regione e non già aumentarne la proiezione snaturando gli equilibri del viso. Sono previsti 4 semplici passaggi in una singola seduta ambulatoriale.

In primis, il metodo preposto si concentra sul bordo del labbro superiore. Ad essere precisi, un ago sottile verrà infilato in corrispondenza del vermiglio (circa alla sua metà) e assecondandone la traccia muoverà sottocute per un breve tratto, sino ad arrestarsi in prossimità dell’arco di cupido ove, con moto retrogrado, il riempitivo viene depositato. La procedura viene dunque ripetuta anche sull’altro lato.   

Paris Lip

In un secondo momento, il chirurgo si concentrerà più propriamente sull’arco di cupido. Come richiamato sopra, l’ago scorre sottocute e rilascia il materiale nel mentre in cui viene ritratto. Il movimento è ancor più breve e preciso, dacché parliamo di un sottile bolo di prodotto che ha il compito di evidenziare con nitidezza l’avvallamento al di sopra del tubercolo.

Paris Lip

Il terzo passaggio dell’ago si concentra più propriamente sull’area perilabiale che congiunge la mucosa alla base delle narici. Si ovvia così alle bar codes.

Paris Lip

Da ultimo, l’ago viene introdotto sul bordo del labbro inferiore – in posizione centrale -, ove scorrerà dapprima in una direzione, verso l’esterno, e poi d’altra, depositando il filler lungo i perimetri naturali della mucosa. 

Paris Lip

Questa tecnica non è certo innovativa, ma era stata accantonata per il gonfiore causato in regione dall’acido ialuronico. Con la CMC  invece questo effetto collaterale viene meno.

Il risultato finale rende ragione di labbra ringiovanite e migliorate nel loro aspetto. 

I costi

Nel caso del trattamento con CMC, il costo di una seduta con tecnica Paris Lip si aggira in media attorno ai 400-500 euro.

Controindicazioni ed effetti collaterali

In linea di massima, il traumatismo varia nell’ordine di piccole e circoscritte evidenze cutanee che andranno progressivamente scomparendo: micro edemi, eritemi, ecchimosi. Le controindicazioni ricalcano invece la lista stilata per il trattamento con i filler in genere, ossia: gravidanze in corso, malattie dermatologiche autoimmuni, herpes in atto e patologie legate alla coagulazione sanguigna.