Ialuronico: Golden Standard nel campo dei filler

ialuronico

Il più versatile e sicuro, garanzia di qualità ed efficacia

Nel trattamento delle rughe troviamo al primo posto l’inoculazione dell’acido ialuronico. Si tratta infatti di un idrogel biologico su base acquosa, che garantisce risultati precisi e uniformi, nonché naturali.

La sostanza in oggetto è totalmente biocompatibile in quanto già presente nel corpo, con un enzima (ialuronidasi) preposto a smaltirla naturalmente.

Aviario o NASHA

In commercio sono reperibili formulazioni a densità variabile, nonché differenti quanto a derivazione, ovvero animale (aviaria) o batterica (NASHA). Quest’ultima, oggigiorno è la più diffusa sul mercato e non richiede test allergologici preliminari. L’iniezione del materiale avviene con un ago sottile, in micro-punture che non lasciano cicatrici e permettono di effettuare rapidi ritocchi in tempi successivi.

Le aree trattabili

Il campo d’applicazione spazia sulla totalità del viso, muovendo dunque dal terzo superiore e mediale sino a quello inferiore. La densità dell’idrogel, non a caso, varia a seconda delle zone da trattare. 

In primis, l’acido ialuronico si rivela prezioso per l’area perioculare e temporale, agendo sulle cosiddette “zampe di gallina” e le occhiaie. A differenza del botox, esso consente la loro marcata diminuzione di visibilità. A seguire, nella zona mediale del volto, il trattamento permette di ovviare all’appiattimento degli zigomi, donandovi nuovo turgore. Muoviamo dunque alle labbra, e nello specifico alle rughe immediatamente al di sotto del naso, ennesima zona critica. È più che nota, infine, la procedura di riempimento delle labbra medesime, a cui può essere regalata una taglia senza che l’effetto coaguli nella permanenza.

La tecnica

La seduta ambulatoriale in generale non prevede l’uso di anestetici, in quanto le infiltrazioni avvengono per micro-punture. In alternativa, è comunque prevista una procedura di anestesia topica applicata con debito anticipo.

Le normali attività quotidiane possono essere riprese in capo a 2 ore dalla seduta. Non deve allarmare il lieve rossore che fisiologicamente vi segue.

Le micro-infiltrazioni assicurano risultati immediati, ma dipendenti dalle condizioni preliminari dell’area sottoposta a trattamento. Dunque va da sé che potrebbero essere necessarie anche più sedute e dunque più fiale a distanza di alcune settimane l’una dall’altra.

I costi dell’acido ialuronico

Di norma, il costo del trattamento è da intendersi per seduta o per fiala. Indicativamente, il prezzo si calcola a fiala ed orbita attorno ai 250. Nello specifico, la correzione del profilo mentoniero in media richiede circa 400 euro, l’area zigomatica 480, mentre le labbra circa 350. 

Controindicazioni ed effetti collaterali

Per quanto concerne l’idrogel si parla di effetto collaterale qualora la condizione di dolorabilità si protragga al di là di qualche giorno.

Le controindicazioni ricalcano invece la lista prevista per il trattamento con i filler in genere, ossia: gravidanze in corso, malattie dermatologiche autoimmuni, herpes in atto e patologie legate alla coagulazione sanguigna.

Tipologie e durata

Il trattamento prevede una durata circoscritta ai 2-24 mesi a seconda del grado di assorbimento del filler stesso.

Il protocollo per il trattamento delle rughe superficiali o poco marcate di regola prevede l’utilizzo di acido ialuronico ultrarapido (2-3 mesi). La metodica viene preferita specie nel trattamento delle zone perioculari e delle piccole rughe. Subentra quindi la fattispecie a medio riassorbimento per depressioni più intense ed aumentare le labbra (6 ai 12 mesi). Abbiamo infine la tipologia lenta, la cui permanenza pari ad un anno è garantita da una maggiore viscosità del materiale e dalla metodica del cross linkaggio. La tipologia ad assorbimento lentissimo invece supera i 24 mesi ed in quanto macromolecolare ad alta viscosità si configura ideale per il corpo.