Depilazione o epilazione? Questo è il dilemma!

depilazione

Come prepararsi al meglio per l’arrivo dell’estate

Con i primi caldi giunge infine quel momento in cui il corpo si libera dal suo bozzolo caldo fatto di pantaloni di lana e maglioni, e comincia a scoprirsi. Gonne, pantaloncini, t-shirts e canottiere colorate fanno la loro comparsa negli armadi, e tra non molto sarà anche il momento del costume da bagno. Tra i riti di bellezza per arrivare preparati all’estate c’è sicuramente la depilazione, ossia la rimozione dei peli superflui. Le possibilità e le tecniche sono oggigiorno decisamente numerose e spesso può accadere di fare confusione.

Depilazione ed Epilazione

depilazione
Fig.: 1

La depilazione è una pratica antichissima che risale almeno all’antico Egitto, dove i sacerdoti si rasavano per rispetto delle divinità. Durante la civiltà ellenica e romana erano principalmente gli atleti a rimuovere i peli dal proprio corpo, pratica che si è tramandata fino ad oggi. In seguito, per un certo periodo, la depilazione è stata un’esclusiva femminile che negli ultimi anni però è tornata ad includere anche gli uomini, fino a riportare percentuali di assoluta parità tra i due sessi. Le zone più gettonate sono gambe, inguine e ascelle per lei, petto, gambe e addome per lui.

Per orientarsi nel mare delle offerte estetiche è fondamentale innanzitutto operare una distinzione:

  • Depilazione: pratica di rimozione della parte esterna dei peli superflui dalla superficie corporea;
  • Epilazione: consiste nell’estirpare i peli alla radice, inibendone in alcuni casi la ricrescita.

Depilazione

depilazione
Fig.2: Epilazione con filo orientale

A questa categoria appartengono le tecniche più note a tutti, anche perché generalmente impiegate a domicilio, e spesso più rapide e indolori (salvo incidenti):

  • Rasoio elettrico: tradizionalmente legato alla barba maschile è stato rapidamente adottato anche dalle donne;
  • Rasoio a lama: forse il metodo in assoluto più usato, meglio se in associazione a gel o saponi per facilitarne lo scorrimento sulla pelle;
  • Creme depilatorie: composti chimici che agiscono a livello molecolare ammorbidendo i peli per renderne più facile la rimozione.

Nonostante le credenze comuni, tagliare il pelo a contatto con la pelle non comporta alcuna modifica alla sua dimensione, o al colore o alla quantità di peli presenti. L’unica differenza è a livello ottico, in quanto non spunterà più la cima sottile del pelo ma la sua sezione, ovviamente più larga e quindi più evidente.

Epilazione

Prevede tecniche un po’ più lunghe e dolorose, dalla durata però nettamente superiore:

Pinzetta

Utile per le zone piccole (come le sopracciglia) o per rifinire.

Filo

Si tratta di una tecnica orientale, utilizzata anche in questo caso soprattutto per le sopracciglia, che impiega un filo di cotone avvolto a spirale che intrappola il pelo e lo estirpa alla radice.

Ceretta

depilazione
Fig.3: Ceretta a caldo

A caldo o a freddo, realizzata a casa o dall’estetista, è sicuramente la tecnica preferita dalla maggioranza. Questo probabilmente è dovuto ai costi contenuti, al dolore sopportabile e alla durata di 3-4 settimane, che permette di partire per le vacanze sereni. Unica pecca, l’alta percentuale di peli incarniti, cui si può facilmente ovviare con scrub e pinzetta.

Epilatori elettrici

Sono dispositivi piccoli e leggeri, dotati di file di pinzette che estirpano i peli man mano che ne entrano in contatto. Si rivelano molto comodi per l’uso domestico ma più dolorosi e lunghi rispetto alla cera.

Fotoepilazione

Comprende tutti quei dispositivi che utilizzano raggi luminosi, che vengono poi convertiti in calore all’interno del corpo e distruggono esclusivamente il bulbo pilifero. Questo fenomeno è noto come fototermolisi selettiva e viene realizzato da dispositivi laser, a luce pulsata o a infrarossi.

depilazione
Fig.4: Luce pulsata

Queste metodiche consentono, in alcuni casi, di effettuare un’epilazione progressivamente permanente, che prevede cioè nel tempo una scomparsa quasi totale dei peli superflui. Sfortunatamente però occorrono diverse sedute per raggiungere quel livello in quanto la fotoepilazione agisce solo sui peli in fase di crescita. Queste tecniche risultano inoltre assai più efficaci sulle pelli chiare con peli scuri, poiché dipendono dalla melanina contenuta. Il laser in assoluto più utilizzato per l’epilazione è quello a diodo, seguito dal Neodimio-Yag e dall’Alessandrite; ma nell’ultimo periodo si sono diffusi dispositivi che consentono un utilizzo combinato dei tre, come ad esempio i laser Soprano. Prima di decidere per questa soluzione tuttavia è consigliabile informarsi approfonditamente per capire lo strumento più adatto al proprio fototipo, tenendo conto che quasi sempre l’epilazione laser deve essere effettuata nei mesi invernali.

Elettroepilazione

Detta anche elettrocoagulazione ad ago, è una tecnica che impiega un sottilissimo ago caricato di corrente che, una volta inserito nel canale pilifero, devitalizza il bulbo e distrugge le cellule germinative del pelo. Si procede quindi ad eliminare i peli restanti con una pinzetta. La tecnica non ha limiti d’età né di colore del pelo, va però svolto da personale esperto.

depilazione
Fig.5: Elettroepilazione

Follicolite

La rimozione dei peli può portare in alcuni casi all’infezione dei bulbi piliferi, detta follicolite e caratterizzata da piccoli brufoletti che possono causare prurito, fastidio da sfregamento ma anche vero e proprio dolore. Per evitarla a volte è sufficiente praticare un leggero scrub prima della depilazione o impiegare il talco quando si utilizza la ceretta. Tuttavia, se dovesse comunque presentarsi, è possibile utilizzare detergenti a base di clorexidina o creme antibiotiche con gentamicina. In casi rari, se non curata, la follicolite può peggiorare e richiedere l’assunzione di antibiotici per via orale.

Controindicazioni ed effetti collaterali

Generalmente è meglio evitare qualsiasi forma di epilazione/depilazione in caso di eritemi, dermatiti o infezioni attive sulla zona interessata.

 

Immagini:

Fig.1: https://youtu.be/cr4tZjNdJLQ

Fig.2: https://youtu.be/j8VEnloSynw

Fig.3: https://youtu.be/bPt0kaS4lOo

Fig.4: https://youtu.be/L3t-x7G1Bp4

Fig.5: https://youtu.be/zS_9zGUXq_M