Riduzione del pomo d’Adamo per lui…e per lei

Riduzione del pomo d'adamo

Un inestetismo comune a molte donne

Il pomo d’Adamo è situato nella zona anteriore del collo ed è costituito dall’unione fra le due cartilagini della laringe. È quindi presente sia negli uomini che nelle donne, tuttavia durante la pubertà solo nei primi si verifica un ingrossamento della zona a causa del testosterone.

In che cosa consiste la riduzione

È un intervento piuttosto semplice e richiesto principalmente da chi sta affrontando, o ha già affrontato, un adeguamento di genere. Anche alcune donne, che soffrono di disfunzioni ormonali (per esempio l’ovaio policistico), possono presentare un pomo d’Adamo lievemente accentuato che rende poco femminile l’area del collo.

Pre intervento

Come primo passo ci si deve rivolgere ad uno specialista per escludere possibili patologie del collo. Egli valuterà inoltre la condizione di partenza, esaminando eventuali lassità e rughe, in modo da effettuare l’incisione in una zona che verrà poi coperta dalle pieghe del collo. Oltre all’ecografia ci si dovrà sottoporre anche ai classici esami pre-operatori, ovvero quelli del sangue, elettrocardiogramma e radiografia toracica. Dal momento che la maggior parte dei pazienti che si sottopongono a questo intervento sono sottoposti anche a terapie ormonali, è necessario che le interrompano almeno un mese prima per non rischiare emorragie.

Interventoriduzione del pomo d'adamo

L’anestesia somministrata sarà di tipo generale in quanto, andando ad intervenire sulla trachea, anche il minimo movimento da parte del paziente rischierebbe di compromettere la zona. Una volta che l’anestesia avrà fatto effetto, il chirurgo procederà con una piccola incisione in corrispondenza del pomo d’Adamo così da aprire una sorta di finestrella dalla quale risulti visibile l’area interessata. Da questo ingresso sarà possibile smussare il pomo tagliandone via la parte sporgente. Non saranno applicati punti di sutura ma solamente una medicazione. Il paziente verrà monitorato per l’intera nottata successiva all’intervento, in modo da escludere possibili complicazioni. L’operazione dura circa 40 minuti. 

Post intervento

Non sono previsti particolari effetti collaterali nella riduzione del pomo d’Adamo eccetto un lieve fastidio durante la deglutizione. Generalmente non esitano né lividi né edemi, e pertanto il ritorno alle attività quotidiane risulta praticamente immediato. È possibile che il chirurgo prescriva delle particolari creme, specifiche per cicatrici, cosicchè a distanza di qualche mese non vi sarà più alcun segno visibile.

Costo

Il costo per un intervento di riduzione del pomo d’Adamo è di circa 900 euro.

Immagini:

Fig.1: https://youtu.be/hhy50TCAfVU