Patologie della mano: quali sono e come intervenire

patologie della mano

Dal dito a scatto al tunnel carpale

Le patologie della mano riguardano tutte quelle problematiche che possono presentarsi alle mani in seguito a traumi, incidenti, età o semplicemente ereditarietà. L’aspetto più fastidioso di questi disturbi è che rendono difficile o addirittura impossibile svolgere le più banali e quotidiane mansioni, come afferrare un oggetto, pulire o cucinare; inoltre, alcune di esse, disturbano anche il riposo notturno in quanto si rivelano più fastidiose quando la muscolatura della mano è a riposo da qualche ora. Generalmente la soluzione consiste in un intervento chirurgico eseguito in day-hospital e con l’impiego di un’anestesia di tipo locale.patologie della mano

Cisti

Tra le patologie della mano troviamo le cisti. Si tratta di protuberanze piene di liquido sinoviale di forma piccola e tondeggiante che possono colpire varie zone della mano. Possono essere associate a fastidio e dolore oppure non manifestare alcun sintomo; nel primo caso è necessario l’intervento chirurgico, nel secondo caso sarà sufficiente tenerle monitorate.

Tipologia di cisti:

  • DEL TENDINE ESTENSORE: si nota quando si aprono o si chiudono le dita in quanto la cisti si muove assieme al tendine causando fastidio e dolore. Il trattamento chirurgico prevede l’asportazione della cisti e della guaina che riveste il tendine.
  • DELLA PULEGGIA: in genere compare alla base del dito e risulta essere mobile, causando dolore quando si afferra un oggetto. L’intervento prevede una piccola incisione in corrispondenza della cisti che viene asportata assieme ad una piccola porzione di puleggia.
  • IGROMI DEL POLSO: Questa cisti compare nella zona del polso e comporta dolore solo in seguito ad uno sforzo della zona, come per esempio il sollevamento di un peso. L’operazione si svolge con artroscopia mediante due piccole incisioni in prossimità della cisti. Purtroppo una nuova formazione della cisti è rara ma possibile.
  • MUCOIDE: compare sul dorso del dito, alla base della falange distale e può essere associata a distrofia ungueale e a deformazioni artrosiche dolorose. Prima di intervenire chirurgicamente per rimuovere la cisti si deve verificare che al di sotto non vi sia artrosi, in caso contrario la problematica si potrebbe ripresentare.

 

 

Dito a martello

Si tratta di una lesione del tendine estensore che provoca un’improvvisa flessione della falange causata da un distacco del tendine dall’osso, o da una frattura nel punto in cui si inserisce il tendine. L’intervento si esegue se vi è frattura dell’osso o se la lesione è ormai vecchia; esso consiste nella sutura del tendine e nell’immobilizzazione del dito mediante fili di Kirshner o con fili metallici.patologie della mano

Dito a scatto

Consiste nell’infiammazione dei tendini flessori del dito rappresentata da un nodulo tendineo doloroso alla base, che faticando a scorrere al di sotto della puleggia basale, provoca la tipica apertura a scatto accompagnata da dolore. L’operazione si esegue praticando una piccola incisione alla base del dito e della puleggia allo scopo di liberare il tendine.

Malattia di De Quervain

Si tratta di un’infiammazione dei tendini del pollice che ne causa l’allontanamento dalle altre dita e provoca forte dolore alla base del dito ed al polso. Sfortunatamente si tratta di una problematica che tende a diventare cronica. Il trattamento mira alla liberazione dei tendini mediante una piccola incisione a livello del polso.

Morbo di Dupuytren

Consiste in un inspessimento del palmo della mano che può rendere difficoltosa l’estensione delle dita fino a causarne la chiusura forzata. Può colpire anche altre zone del corpo, come le nocche delle mani e la pianta dei piedi. L’intervento chirurgico va ad asportare l’intero ispessimento, consentendo alle dita di distendersi nuovamente. Negli ultimi anni si è diffusa anche la tecnica che prevede iniezioni di collagenasi, una sostanza che sembra in grado di riportare il tessuto allo stato normale.

Rizoartrosi

È una forma di osteoartrosi degenerativa che colpisce l’articolazione del pollice. Provoca un assottigliamento della cartilagine tale da causare lo sfregamento delle ossa. Inevitabilmente tale patologia causa dolore anche nei movimenti più semplici. L’operazione prevede l’asportazione del trapezio ed una mobilizzazione del dito per almeno tre settimane.

Sindrome del tunnel carpale

Si tratta di un’infiammazione del nervo mediano provocata da una compressione dei tendini flessori. Causa quindi dolore, formicolii e crampi fino all’avambraccio, soprattutto durante la notte. Il trattamento comporta una o due piccole incisioni a livello del polso; attraverso di esse si fa passare l’artrosopio o l’endoscopio e si seziona il legamento carpale in modo da alleviare la compressione esercitata sul nervo.

Chirurgia estetica

La chirurgia non entra in gioco unicamente quando si parla di patologie della mano, ma interviene anche per migliorarne l’aspetto estetico. Esistono vari trattamenti che mirano a contrastare gli effetti dell’invecchiamento:

SOCIAL
SEGUICI SU:
Beautyportale: un mondo a cui tutti, uomini e donne, possono accedere per cercare le risposte alle loro domande su bellezza, salute, benessere, sport, massaggi, alimentazione, chirurgia plastica, wellness ed estetica. Uno spazio ricco di spunti per vivere una vita all'insegna dell'equilibrio e della cura di se stessi.