Perineoplastica: cos’è e cosa comporta

perineoplastica

La chirurgia plastica del perineo

La perineoplastica è un intervento di chirurgia plastica che consente di ripristinare la corretta tonicità dell’area perineale, soprattutto in seguito a gravidanza, importanti aumenti di peso o conformazione genetica.

Funzioni

Il perineo è una zona genitale che si estende dall’ingresso della vagina fino all’ano. È principalmente costituito da muscoli che sostengono gli organi interni e garantiscono un corretto funzionamento urinario e fecale. Esso inoltre assicura una corretta ampiezza dell’ingresso vaginale così da contribuire a rapporti sessuali soddisfacenti.

L’elasticità del perineo è fondamentale durante il parto, in quanto gli consente di cedere, per lasciar passare il bambino, e poi di tornare a chiudere l’apertura. In alcuni casi, alla fine del periodo espulsivo, è necessario incidere il perineo per favorire la nascita del bambino. Questo intervento chirurgico, noto come episiotomia, consente di evitare una possibile lacerazione perineale, ma può comportare inestetismi o asimmetrie.

La perineoplastica permette di recuperare la normale funzionalità del perineo qualora esso risulti rilassato, lacerato, inciso o interessato da fibrosi cicatriziale. Le sue principali funzioni riguardano:

  • Restringimento del diametro dell’ingresso vaginale;
  • Tonificazione dei tessuti perineali;
  • Rinforzo del pavimento pelvico.

A differenza del restringimento vaginale, la perineoplastica riduce unicamente le dimensioni dell’apertura e non dell’intero canale vaginale, per questa ragione i due interventi sono spesso associati.

Applicazioni

perineoplastica
Fig.1: Il perineo
  • Rilassamento cutaneo a causa di un aumento sensibile di peso;
  • Cute perineale avvizzita;
  • Episiotomia;
  • Lacerazione perineale;
  • Insoddisfazione sessuale;
  • Flato vaginale;
  • Impossibilità di mantenere un tampone in posizione;
  • Difficoltà a trattenere gas o feci.

Intervento

Sottoporsi ad una visita pre-operatoria sarà fondamentale per valutare il proprio stato di salute e la qualità dei tessuti perineali. Una volta determinato che la perineoplastica sia la procedura adatta, l’intervento viene eseguito in day hospital sotto anestesia locale abbinata a lieve sedazione. È preferibile cessare l’assunzione di farmaci a base di acido acetilsalicilico (Aspirina, Vivin C) e anticoagulanti almeno 2-3 settimane prima. Si consiglia inoltre di smettere di fumare almeno 1 mese prima.

Il chirurgo effettua un’incisione a V nella parete posteriore della vagina ed eventualmente esporta i tessuti cicatriziali esistenti. L’incisione può essere realizzata mediante bisturi, bisturi elettrico o laser. I muscoli e i tessuti sottostanti vengono uniti e suturati assieme con punti riassorbibili che pertanto non necessitano di rimozione successiva. L’intervento dura circa 30-45 minuti.

In seguito all’operazione possono esitare un lieve dolore, gestibile con comuni antidolorifici, e un po’ di spotting, per il quale si consiglia l’uso di salvaslip. La completa guarigione avverrà dopo circa 6 settimane, periodo durante il quale è meglio evitare i rapporti sessuali. È possibile riprendere le normali attività dopo 7-14 giorni, avendo molto cura di non svolgere lavori pesanti o attività faticose.

Costi

I costi di una perineoplastica possono variare da 1.500 a 5.000 Euro.

Controindicazioni ed effetti collaterali

Le possibili complicanze per questo tipo di operazione sono: costipazione, infezione, eccessivo sanguinamento, problemi di cicatrizzazione.

 

Immagini:

Fig.1: https://youtu.be/_QqUT7_oDyo