Tornare in forma dopo le feste è possibile

tornare in forma

5 consigli per iniziare il nuovo anno alla grande

Le feste sono ormai finite e noi ci ritroviamo a maledire la terza porzione di lasagna o la doppia farcitura di crema al mascarpone nel pandoro. Se la paura di affrontare la bilancia ci attanaglia, allora è giunto il momento di tornare in forma dopo le feste.

Tornare in forma è possibile

È molto frequente, al termine dei cenoni e delle abbuffate, sentirsi gonfi e appesantiti; lo specchio e il bottone dei jeans ci sembrano i nostri peggiori nemici. Ma niente paura! Gennaio è un ottimo mese per iniziare – o riprendere – un regime alimentare sano ed equilibrato.

Da un lato infatti i vestiti pesanti ci permettono di nascondere i chili di troppo, dall’altro abbiamo tutto il tempo per tornare in forma in modo graduale e arrivare preparati alla prova costume.

STEP 1: Lavare via le cattive abitudini

Protagoniste principali del periodo natalizio sono state le pietanze piuttosto pesanti, innaffiate da vino e spumante. E l’acqua?

Il primo passo dunque è ritornare ad un livello di idratazione ottimale, suddiviso tra bere molto e assumere cibi freschi, ad alto contenuto d’acqua, come ad esempio la verdura cruda.

Idratare l’organismo difatti, aiuterà ad eliminare scorie e tossine, a ripristinare la regolarità intestinale e quindi a ridurre pesantezza e gonfiore. Senza contare che l’acqua inganna l’appetito e calma il senso di fame.

STEP 2: Affidarsi ai cibi di stagione

Ecco un’altra ragione per cui gennaio è il mese ideale per tornare in forma dopo le feste. Abbiamo, infatti, a disposizione una serie di alimenti indicati a depurare, e allo stesso tempo rafforzare, l’organismo. Alcuni esempi?

Gli agrumi sono sicuramente in pole position grazie al loro contenuto di vitamina C, che rafforza le difese immunitarie e ci protegge dallo stress ossidativo. Ma non dimenticate che anche il kiwi ne è ricco, persino più delle arance. E che dire allora di cavolfiore, broccoli e verze? Questi ortaggi uniscono all’azione delle vitamine, le fibre e i sali minerali necessari a purificarci.

Delle proprietà digestive del finocchio, invece, abbiamo già parlato, ma anche il carciofo è fenomenale in questo campo: stimola la diuresi, protegge il fegato e regola il transito intestinale. Ergo: non può mancare nella nostra dieta detox.

STEP 3: Qualche rinuncia sì, ma senza esagerare

Il trucco per affrontare un regime alimentare nuovo con l’idea di mantenerlo a lungo termine, è di non strafare. Inutile perdere 10kg in una settimana vivendo solo di aria, perché al primo boccone solido finiremmo per tornare al punto di partenza.

Cominciamo invece riducendo le porzioni (soprattutto a cena) e introducendo spuntini a base di frutta fresca o secca, oppure uno yogurt magro. Proviamo anche a sostituire la carne rossa con scelte più magre, come il petto di pollo, il pesce o i legumi. Non priviamoci del tutto dei carboidrati, ma privilegiamo quelli integrali, più leggeri e facili da smaltire.

Certo, alcuni sacrifici vanno fatti. Ad esempio, è meglio stare lontani da sughi pronti, salse e condimenti pesanti; allo stesso tempo vanno evitati i troppi zuccheri.

STEP4: Non si può tornare in forma seduti sul divano

Chiunque vi proponga un’alternativa miracolosa all’esercizio fisico, vi sta prendendo in giro. Tuttavia, questo non significa neppure che dobbiate diventare campioni olimpici nel giro di pochi giorni.

In realtà, basterebbe una mezz’ora di camminata sostenuta dopo i pasti principali, usare le scale invece dell’ascensore e preferire i propri piedi, o la bicicletta, per le piccole commissioni. Ma vanno ovviamente bene anche esercizi in palestra o corsi di zumba, spinning o kick boxing.

In sostanza, qualsiasi attività di tipo aerobico può fare al caso nostro, dalla corsa al nuoto; persino – ebbene sì – un bel pomeriggio di shopping intenso!

STEP 5: Che ci crediate o no, lo stress fa ingrassare

La spiegazione è ahimè fisiologica. Lo stress infatti dovrebbe rappresentare un segnale nervoso di breve durata che stimola in noi una risposta rapida seguita da meritato riposo.

Facciamo un esempio. Lo stress nel vedere un predatore, stimolava nei nostri antenati un istinto di fuga o di reazione combattiva, entrambe azioni che prevedono un notevole dispendio energetico. La fase di relax che ne seguiva era pertanto caratterizzata da senso di fame per recuperare le calorie perdute.

Oggi, però, viviamo cicli di stress continuativi, nei quali la fase di attività (andare di fretta, correre, saltare i pasti) non è sempre presente, mentre invece permangono la fame nervosa e il cibo consolatorio.

Ecco che, nella nostra dieta per tornare in forma dopo le feste, andrebbe inserito del tempo per rilassarsi e godersi un massaggio, una sauna o, semplicemente, un buon libro.