Dieta prenatalizia per prepararsi alle feste

dieta prenatalizia

Trucchi, consigli e errori da evitare

Natale, si sa, è un periodo che mette a dura prova la nostra linea. Cene con i parenti, pranzi con gli amici… e come rifiutare gli inviti per una fetta di panettone a merenda? E così, in men che non si dica, ci ritroviamo con la cintura stretta e il bottone della camicia che rischia di saltare.

Per non vanificare in una settimana mesi di alimentazione controllata e allenamento in palestra, ecco la dieta prenatalizia da seguire in questi giorni.

Dieta prenatalizia

È inevitabile: le portate classiche di Natale e Capodanno non sono propriamente leggere e dietetiche. Tuttavia, al giorno d’oggi non abbiamo certo bisogno di accumulare grassi di riserva; tanto più che un pranzo di Natale arriva in media a 3000 kcal. E così, in un solo pasto raggiungiamo il fabbisogno nutrizionale di una donna per quasi due giorni.

In primis, dunque, cerchiamo di non esagerare per non ritrovarci poi a subirne le conseguenze in termini di mal di testa, bruciore di stomaco e sonnolenza. Tuttavia, è possibile prepararsi a qualche strappo alla regola con una dieta prenatalizia disintossicante, che aiuti a tenere il peso sotto controllo e a smaltire più facilmente gli eccessi delle feste.

Ecco come fare:

Evitare i condimenti

Nel percorso per arrivare al Natale in piena forma, sarebbe preferibile eliminare il sale, ridurre lo zucchero e dimenticarsi di salse e sughi pronti. Se proprio non amate le pietanze “al naturale”, potete sfruttare altre spezie, come il coriandolo, il cumino e la curcuma.

Poco miele e cannella, invece, possono sostituire lo zucchero raffinato, evitando così di ricorrere a dolcificanti o alla stevia. In questo modo si ridurranno le calorie… e il girovita.

Largo alla frutta ma senza esagerare

dieta prenatalizia

La frutta, lo sappiamo, è una vera e propria miniera di sostanze benefiche; ma anche di zuccheri. Ottima a colazione e per uno spuntino, è invece sconsigliata dopo i pasti e la sera poiché può causare gonfiori e cattiva digestione.

Senza andare a cercare prodotti esotici di dubbia provenienza, affidiamoci dunque alla frutta di stagione, come mele, pere e kiwi. Arance, mandarini e pompelmi, poi, hanno tutte le qualità che servono ad una dieta prenatalizia. Sono infatti ricchi di vitamine e antiossidanti, e in più favoriscono l’eliminazione delle tossine.

Stomaco permettendo, infine, mai come in questi giorni un bicchiere di acqua tiepida e limone, la mattina a digiuno, si rivela un efficace toccasana.

Acqua e tisane… come se piovesse

Qualunque regime alimentare scegliate di adottare, non dimenticatevi mai di bere molta acqua. Non solo, infatti, contribuisce a depurare l’organismo, ma aiuta anche a tenere a bada il senso di fame.

Anche tè verde e tisane detox sono consigliate sia prima che dopo le feste per eliminare le tossine e prendersi cura di fegato e intestino.

Sì ai legumi e alla verdura, specie se cruda

dieta prenatalizia

In queste settimane bisogna puntare tutto su fibre, vitamine e sali minerali, elementi indispensabili per l’organismo di cui legumi e verdura sono ricchi. I primi in particolare sono indicati per un corretto apporto di proteine, ma di origine vegetale.

Per una perfetta dieta prenatalizia, inoltre, l’ideale sarebbe dedicare un paio di giorni a settimana alle verdure crude, sia a pranzo che a cena. Se temete di non avere abbastanza fantasia, il world wide web offre numerosi spunti per ricche insalate e carpacci colorati, come questa nostra ricetta a base di finocchi e arance.

No a snack, alcool e diete drastiche

Veniamo dunque al tasto dolente: gli errori più gravi da evitare. In primo luogo, teniamoci lontani da snack e merendine, per favorire invece spuntini a base di yogurt o frutta secca. Se proprio non riuscite a non concedervi uno sfizio, puntate su un cubetto di cioccolato fondente.

Ben più difficile invece, nel periodo natalizio, rinunciare a brindisi e aperitivi. Ma l’alcool è davvero un nemico giurato della nostra linea, per non parlare dei risvolti negativi che ha sul fegato. Niente in contrario però, ad un bicchiere di vino rosso ogni tanto, possibilmente durante il pasto.

Infine, uno sbaglio molto comune in questi giorni, sia prima che dopo le feste, è quello di lanciarsi in diete drastiche, autoinflitte e autoprescritte. Questo comportamento non solo è controproducente, ma è anche dannoso per la salute.