Dieta dell’autunno, per una salute sempreverde

dieta dell'autunno

Al “top”, soprattutto nel cambio di stagione

La dieta dell’autunno, come vedremo, individua le mosse strategiche per preparare il nostro organismo alla stagione fredda. Pochi gesti di elevato valore per la nostra salute. D’altra parte, esiste forse una stagione più emblematica e rappresentativa dell’autunno quanto al rapporto fra tempo e bellezza?

Per chi non ha la fortuna di vivere a contatto con la natura – magari perché premuto nella calca dei palazzi in centro città -, è più difficile accorgersi dei colori che cambiano, dunque del mondo che dopo tanto caldo trae un lungo sospiro, si prende una tregua e si avvolge in sé stesso. Ad ogni modo, questa stagione, spesso e ingiustamente rappresentata con i toni malinconici della bellezza che sfuma, è in verità il gran finale dell’estate. Sin da piccoli l’autunno è stata la voce della campanella che ci riportava sui banchi di scuola… dopo tanti giochi all’aperto. È probabilmente questo uno dei motivi per i quali risulta difficile cogliere la stagione nella sua grande bellezza.

dieta dell'autunno

Le giornate si accorciano, le temperature si abbassano; per il sollievo di alcuni ed il cruccio di altri. Nei fatti, però, l’autunno è anche la stagione ideale per i bilanci. Bilancio dell’anno trascorso e di quello che, a dispetto della data canonica collocata a gennaio, inizia.  

Tempo di lunghe riflessioni

L’autunno, come scrive Róbert Hász, è lo sguardo del tempo. Una luce diversa, più consapevole e matura, delinea i contorni delle cose. Sagoma ombre laddove il meriggio estivo pareva voler solo abbagliare, stupire, esondare. Come nella vita, l’autunno rappresenta l’età matura. E come tale vanta la sua bellezza. Una bellezza che non tenta disperatamente di correre dietro a quel che è stata l’estate. L’autunno sa di non avere speranze, di non poterla emulare. Perciò, sceglie di dare priorità ad altri elementi. Preferisce invitare alla riflessione, alla contemplazione del paesaggio. L’autunno chiama consapevolezza, invita a indugiare per la strada, nei boschi, lungo i sentieri. In altre parole, ci aiuta a riprendere posto in noi stessi. E con ciò non alludiamo semplicemente all’atto di tornare in ufficio o, ligi, sul posto di lavoro; quanto di rincasare presso la condotta regolata che le “ore estive” necessariamente hanno sospeso.

E siccome…

Siccome la saggezza appartiene all’autunno, parimenti è in questa stagione che dobbiamo e possiamo dedicarci a quanto lasciato in sospeso. Dopo la lunga parentesi di mare, nuovi impegni attendono. Come viverli al meglio?

Ebbene, l’alimentazione gioca un ruolo fondamentale. Ecco perciò alcuni preziosi consigli in materia. State pensando ad una dieta? O più semplicemente, volete preparare l’organismo ad affrontare l’inverno? Abbiamo ciò che fa per voi.

Regole generali

I.dieta dell'autunno

Sfruttate frutta e verdura di stagione. Non pensate che “dieta” sia sinonimo di monotonia, e giocate con i colori ed i sapori che l’autunno mette a disposizione. Abbiamo così il viola ed il giallo dell’uva, il verde delle mele, delle pere e dei kiwi, l’arancione della zucca, il bianco del finocchio e dell’aglio, il marrone di funghi, noci e nocciole.

Scegliete l’uva, notoriamente un frutto zuccherino, per la colazione o lo spuntino di metà mattina. A metà pomeriggio, invece anziché pasticciare con prodotti dolciari confezionati, puntate sullo yogurt con un kiwi. Nel caso invece siate soliti consumare frutta la sera, prediligete pere o mele.

Ad un pranzo a base di carboidrati di qualità e proteine, come ad esempio un risotto con il broccolo (disponibili a breve anche nell’orto sotto casa) e del pesce azzurro, ponderate una zuppa o una vellutata per la sera. In proposito, una buona scelta potrebbe essere una zuppa di funghi con farro e noci, oppure – più leggera – da una vellutata di zucca con crostini di pane a cui abbinare un secondo di carne bianca o rossa.

II.

Qualora non abbiate intolleranze, non eliminate dalla dieta formaggi e latticini. Indicativamente, limitatevi ad una tazza di latte parzialmente scremato la mattina e orientatevi sui formaggi a pasta dura come ad esempio il Grana: “mitico” sulla minestra calda o consumato in pepite.

III.dieta dell'autunno

Con una stagione più fresca è naturale percepire un maggiore appetito. L’organismo accusa l’abbassamento delle temperature e giocoforza necessita di più calorie. L’importante è non debilitarsi, magari intraprendendo diete troppo strette: andremmo a sottoporre il corpo ad inutili stress, indebolendo il sistema immunitario e predisponendoci a contrarre “noti malanni”. Sicché, puntate su alimenti ad alto valore nutritivo e saziante come la frutta secca o i legumi, peraltro ricchi in vitamine, calcio, ferro e proteine.

Parola d’ordine, semplicità

 

La classica spremuta, per di più, è il must di ogni ricetta salutista. Non avete bisogno di integratori. Tutto ciò di cui avete bisogno si trova già nel buon cibo che portate in tavola. Assicuratevi di variare, tenendovi alla larga da cibi raffinati. Trovate il tempo di cucinare i vostri pasti e concedetevi il giusto break per consumarli a tavola. Già di per sé un regime alimentare siffatto è disintossicante.

Non tutte le calorie sono uguali: banditi i cibi spazzatura.

Quanto al fritto: una volta al mese, con olio di qualità e in dosi moderate, può coadiuvare alla corretta funzionalità del fegato.

IV.dieta dell'autunno

Cioccolato, si o no? Sicuramente sì, a patto di consumarne 30 grammi al giorno e fondente. È noto infatti come assumerne due o tre quadratini non solo possa costituire una buona fonte di antiossidanti, ma gratifichi il palato senza attentare alla dieta. Così facendo, avrete tutte le energie necessarie a svolgere al meglio le attività quotidiane, e insieme non farete del “regime” una “tortura”. Non è il cibo in sé a fare male, ma la sua quantità (già lo sapete). Sicché occhio alle proporzioni e agli abbinamenti. Cercate di non unire mai nello stesso pasto pane e pasta, carni e formaggi, uova e insaccati.

V. 

Attività fisica. Con qualche accortezza in più rispetto all’estate, specie quanto ad abbigliamento, non v’è stagione migliore dell’autunno per iniziare ad allenarsi e in cui consolidare i comportamenti salutari che, accompagnandovi poi per tutto l’inverno, contribuiranno a farvi restare in salute, più attivi, di buonumore e con un aspetto più tonico.

Spolverino, non maglione…

Se intendete cimentarvi in sport all’aperto, come passeggiate, running o gite in bicicletta, scegliete tessuti traspiranti. Resistete alla tentazione di vestirvi troppo e puntate semmai su un capo d’abbigliamento che vi tenga al riparo dall’aria. Qualora invece preferiate le attività indoor, prendete la buona abitudine di fare una doccia dopo lo sforzo, senza lasciare la palestra sudati. Asciugate bene i capelli e, soprattutto la sera, copriteli con un cappello. Ovvietà? Forse si, ma ogni anno qualcuno ci casca…

Dieta dell’autunno

Qui di seguito un esempio indicativo di dieta valida per il cambio di stagione. Le porzioni si intendono a titolo indicativo e possono variare a seconda dell’età, del fabbisogno energetico e del lavoro svolto. Ad ogni modo, si cerchi sempre la giusta combinazione fra proteine, carboidrati e grassi.

Colazione

1 tazza di caffèlatte con 4 fette biscottate integrali e marmellata (senza burro)

o in alternativa

1 spremuta ed una tazza di yogurt greco a basso contenuto di grassi, con 30-40 grammi di müsli ed 1 cucchiaio di miele / acini d’uva.

Spuntino di metà mattina

1 yogurt con frutta di stagione

Pranzo

80 grammi di pasta integrale con un sugo leggero (pomodoro, pesto) o con legumi ed un piatto d’insalata,

oppure

Secondo piatto a base di pesce (merluzzo, salmone, platessa, tonno…) e verdura cotta (verze, broccoli, patata dolce).

Metà pomeriggio

Una porzione di frutta secca (noci, mandorle, nocciole, mirtilli, fragole) e un agrume,

oppure

30 grammi di cioccolato fondente ed una spremuta non zuccherata.

Cena

 

Zuppa o vellutata di verdure con orzo e farro, oppure con pepite di pane raffermo e formaggio grana,

in alternativa

Risotto con la zucca, con i funghi o con il broccolo.

Dopo-cena

1 frutto di stagione.

SOCIAL
SEGUICI SU:
Beautyportale: un mondo a cui tutti, uomini e donne, possono accedere per cercare le risposte alle loro domande su bellezza, salute, benessere, sport, massaggi, alimentazione, chirurgia plastica, wellness ed estetica. Uno spazio ricco di spunti per vivere una vita all'insegna dell'equilibrio e della cura di se stessi.