Prolungare l’abbronzatura a tavola

prolungare

Cibi che aiutano a conservare la tintarella

Dopo tutta la fatica fatta per conquistare un colorito bronzeo durante le vacanze, non c’è niente di peggio che vederlo sbiadire poco dopo il rientro. Fortunatamente esistono svariati accorgimenti che possono aiutarci a prolungare l’abbronzatura. Tra questi ricordiamo una corretta idratazione, l’applicazione di creme specifiche e, naturalmente, la scelta degli alimenti giusti.

Sostanze utili a prolungare l’abbronzatura

I cibi, lo sappiamo, sono una fonte inesauribile di principi attivi e nutrienti atti al corretto funzionamento dell’organismo. A seconda delle necessità, va pianificata una dieta mirata che contenga ciò di cui abbiamo più bisogno. Nel caso dell’abbronzatura, ecco le sostanze a cui fare riferimento.

Betacarotene

Nessuna sorpresa qui. Non appena le temperature cominciano ad alzarsi, questo carotenoide è letteralmente sulla bocca di tutti. Ma in cosa consiste il suo contributo? Tra i vari benefici, questo pigmentante aiuta ad intensificare e mantenere il colorito dell’abbronzatura. Vanta altresì proprietà antiossidanti, rivelandosi un alleato della giovinezza cutanea messa a dura prova dall’esposizione solare. Può essere assunto attraverso frutta e verdura di color giallo-arancio, come carote, zucca, melone, pesche e cachi.

Omega 3

prolungare

Se ne parla davvero molto, ma in pochi ne conoscono le qualità. Questi acidi grassi vengono a ragione definiti “essenziali” poiché giocano un ruolo fondamentale nel mantenimento della salute globale. Purtroppo non possono essere prodotti dal nostro corpo. Ecco dunque l’importanza di assumerli attraverso l’alimentazione. Gli Omega 3 favoriscono la riparazione cutanea, attività di importanza centrale specialmente in seguito alla fotoesposizione. Contrastano inoltre eritemi solari e dermatiti, acerrimi nemici dell’abbronzatura. Sono contenuti nelle noci, nel pesce azzurro, ma anche nei semi e nell’olio di lino.

Tirosina

Amminoacido non essenziale precursore della melanina, ovvero coinvolto nel processo di sintesi della stessa. La sua presenza a livello cellulare pertanto è importante sia durante l’esposizione, sia in seguito, proprio per prolungare l’abbronzatura. La tirosina può essere sintetizzata a partire da alimenti quali uova, latticini, frutta secca, carne di tacchino, fagioli e pesce.

Vitamine e Selenio

prolungare

Le prime universalmente note per le loro molteplici qualità, il secondo forse meno conosciuto. Così come le vitamine A, E e C, anche questo minerale ha notevoli proprietà antiossidanti e migliora l’attività del collagene. Le rughe infatti sono una delle più temute conseguenze del fotoinvecchiamento dovuto ai raggi UV. Consumare cibi ricchi di queste sostanze aiuta a mantenere la cute tonica, elastica e luminosa, evitando l’effetto “appassito” che l’abbronzatura tende a conferire con il tempo. Ricordiamo dunque l’assunzione di agrumi, kiwi e frutti rossi per la vitamina C; latte e formaggi sono un’importante veicolo di vitamine A e B; oli vegetali, grano e frutta secca per la vitamina E. Il selenio invece è reperibile nel pesce, nelle frattaglie, nei funghi e nelle patate nate da terreni trattati appositamente con questo minerale (patate al selenio).

Coenzima Q 10

Forse in molti lo riconosceranno come componente principale di alcuni cosmetici antirughe. Si tratta infatti di un potente antiossidante già presente nel corpo a livello cellulare. Sfortunatamente con il tempo e l’età la sua concentrazione tende a diminuire notevolmente. La dieta è dunque fondamentale per reintegrarlo. Il coenzima Q 10, detto anche vitamina Q, è contenuto in pesci quali il tonno, il salmone e le sardine; si trova tuttavia anche nel fegato, nella soia e nei cereali integrali.

Flavonoidi

prolungare

Ultimi nella nostra lista di sostanze che aiutano a prolungare l’abbronzatura, ma non ultimi in quanto a proprietà e benefici. I flavonoidi sono composti chimici naturali in grado di bloccare i danni provocati dai radicali liberi; quindi utilissimi prima, durante e dopo l’esposizione per contrastare l’opacizzazione cutanea e mantenere come nuovo il colorito guadagnato. Si rivelano altresì preziosi alleati della bellezza delle nostre gambe. Agiscono infatti sul microcircolo contrastando la pesantezza e il gonfiore tipici della stagione estiva. Tra gli alimenti che li contengono, ricordiamo le mele, i broccoli, le cipolle, il tè verde, il vino rosso e il cioccolato fondente.